FAQ

Cendence

01. Rispetto ai radiocomandi di Inspire 2 e Matrice 200, quali vantaggi ha il Cendence?

A differenza dei radiocomandi di Inspire 2 e Matrice 200, il Cendence dispone di un monitor LCD ultra luminoso integrato e di una grande varietà di funzioni nella app, che possono essere attivate direttamente dai pulsanti sul dispositivo. Inoltre, può vantare un’autonomia maggiore, la possibilità di personalizzare i pulsanti, e, soprattutto, il vantaggio di possedere batterie e antenne intercambiabili.

Il Cendence può essere utilizzato in situazioni più complesse ed è compatibile con i monitoro CrystalSky

02. Perché sono state inserite delle porte SDI nel Cendence?

Tramite le porte SDI potrete esportare un segnale standard broadcasting, permettendo al Cendence di essere utilizzato per le dirette video.

03. A cosa serve la porta CAN situata sul Cendence?

Tramite la porta CAN potrete connettere il Cendence a DJI Focus, alla DJI Tracktenna o al modulo GPS esterno.

04. Il Cendence può essere usato nella configurazione doppio operatore?

Si, potete impostare un radiocomando principale e un radiocomando secondario.

05. Il display LCD del Cendence è touch screen?

No.

06. Come posso resettare le funzioni dei bottoni personalizzabili?

Potrete resettare le funzioni dei pulsanti direttamente dall’app.

07. Il Cendence può passare dalla frequenza 2.4 GHz alla frequenza 5.8 GHz?

Sì.

08. Posso riadattare il Cendence in modo da poterlo riutilizzare con altri sistemi wireless?

No, per adesso. L’opportunità di utilizzare il Cendence con altri moduli d’espansione sarà presto possibile.

09. Le batterie del CrystalSky possono essere usate nel Cendence?

Sì.

10. Cosa posso fare se il segnale video è debole quando uso il Cendence?

Verificate la presenza di eventuali interferenze nell’area circostante e sistemate la direzione delle antenne.

11. Cosa posso fare se, usando il Cendence con un CrystalSky da 7.85’’, il tutto diventa troppo pesante?

Per scaricare il peso potete usare un supporto, un treppiedi, o una tracolla.

12. Qual è il range di trasmissione video del Cendence?

Con protocollo FCC il range di trasmissione può arrivare fino a una distanza di 7 km.

13. Posso modificare la sensibilità degli stick?

Si, è possibile modificare la sensibilità degli stick a seconda delle proprie necessità.

14. Quale è la funzione del display LCD?

Lo schermo LCD mostra, tra l’altro, i parametri della camera, lo stato del volo e informazioni su radiocomando e batteria.

15. Devo rimuovere le batterie durante il caricamento del Cendence?

No.

Checklist

Checklist DJI Mavic Pro – Decollo

Le check-list sono utilizzate da anni nel mondo aeronautico prima dell’inizio di ogni fase di volo.
Le stesse sono considerate uno strumento molto efficace per evitare errori umani e quindi avere un livello di sicurezza maggiore.

E’ stato riscontrato nel mondo dei droni che utilizzare una check-list aumenta la sicurezza del volo e dimimuisce la probabilità di un eventuale incidente.

Di seguito descriviamo la check-list da eseguire prima del decollo del DJI Mavic Pro

• Check telaio drone
• Check livello batteria del drone (premere una volta il tasto sulla batteria.)
• Tempo ricarica: 1h 20min
• Check livello batteria radiocomando (tasto in alto a destra) premere una volta.
• Tempo ricarica: 2 ore
• Check livello batteria smartphone e impostare su Do Not Disturb, Wi-Fi e Bluetooth disattivati.
• RC in P-Mode.
• Connettere Smartphone al RC.
• Aprire le antenne e puntarle verso l’alto, installare il reflettore opzionale per incrementare il segnale.
• Rimuovere la cover della camera e il fermo dal gimbal. Se non si sta filmando – reinstallare la cover della camera.
• Check che la scheda antivibrazioni del gimbal sia sotto i tre ganci a goccia.
• Aprire prima I bracci frontali e poi I bracci sul retro.
• Check e aprire le eliche (se sganciate – segnato con segnato, non segnato con non segnato.)
• Check gimbal per ostacoli al movimento.
• Accendere il radiocomando (premere il tasto di accensione una volta, poi nuovamente per due secondi.)
• Impostare Quota Failsafe.
• Accendere il drone (premere il tasto della batteria una volta, poi nuovamente per due secondi.)
• Avviare l’applicazione DJI GO sullo smartphone.
• Check lo stato della SD Card e formattarla se necessario.
• Attendere ‘Ready to Go (GPS)’ nell’applicazione.
• Avviare/Spegnere I motori: Stick verso il basso e verso l’interno o verso l’esterno.
• Toccare il display per mettere a fuoco

Per vostra convenienza riportiamo qui anche la tabella degli stati di volo che è verificabile dai led installati sulle estremità del drone.
Vi consigliamo di memorizzare le combinazioni di colore in modo da interpretarle in tempo reale.

E’ consigliato anche stampare la check-list e gli stati di volo per portarli direttamente nell’area delle operazioni.

DJI Tabella dei Led

E’ molto importante dopo aver eseguito tutta la check-list verificare che sul radiocomando non ci siano “warning” od “errori” prima del volo.

Checklist DJI Phantom 4 – Decollo
  1. Prima di partire per il luogo di volo

• Assicurarsi che una Micro SD card formattata, vuota, (con la corretta qualifica) sia inserita nel DJI Phantom 4

• Verificare che le batterie del drone e del radiocomando oltre a quelle del dispositivo mobile (smartphone/tablet) siano completamente cariche

• Controllare le eliche. Sono ancora in buono stato o sono danneggiate?

• Controllare che il firmware sia aggiornato

• Verificare se la posizione in cui avete intenzione di volare non sia una no-fly zone

• Controllare il tempo e assicurarsi che sia adatto. Inoltre, assicurarsi che l’indice KP non sia superiore a 5 (http://www.uavforecast.com/)

  1. Nel luogo di volo

• Verificare la presenza di possibili interferenze. Assicurarsi che non ci siano grandi superfici metalliche, torri radio, cavi elettrici, ecc.

• Verificare la presenza di ostacoli. Assicurarsi che si sia a conoscenza di essi (alberi, cavi, ecc.)

• Verificare la presenza di situazioni potenzialmente pericolose (bambini che giocano, animali nei dintorni, ecc.)

• Verificare che il tempo soddisfa le condizioni previste

  1. Preparazione del DJI Phantom 4

• Togliere la protezione del gimbal e il tappo dell’obiettivo e riporli in un posto sicuro

• Assicurarsi che la Micro SD card sia inserita correttamente

• Assicurarsi di aver installato il filtro corretto dell’obiettivo

• Assicurarsi che il filtro sia pulito. In caso contrario, pulirlo prima del volo

• Installare le eliche. Controllare il loro stato (sono ancora buone o sono danneggiate) e assicurarsi che siano installate correttamente (nero su nero).

• Inserire la batteria. Verificare che sia inserita correttamente e assicurarsi che sia completamente carica

  1. Controllo del radiocomando

• Montare il dispositivo mobile (smartphone/tablet) e collegarlo.

• Fissare il parasole e regolarlo in modo corretto

• Posizionare correttamente le antenne. Fissare il range extender se si utilizza un range extender rimovibile del DJI Phantom 4

• Controllare il selettore della modalità di volo per assicurarsi che sia nella posizione corretta

• Controllare la batteria per assicurarsi che sia caricata correttamente

• Accendere il radiocomando

• Accendere il dispositivo mobile (smartphone/tablet) se non è già stato fatto

• Impostare la luminosità del dispositivo mobile al livello desiderato

• Passare il dispositivo mobile nella modalità aereo

• Attovare il GPS sul dispositivo mobile

• Avviare l’applicazione DJI GO 4 sul dispositivo mobile

• Verificare le impostazioni della fotocamera

  1. Controlo del DJI Phantom 4

• Assicurarsi che il DJI Phantom 4 si trovi su una superficie solida e piana con la parte anteriore lontana da voi

• Assicurarsi che il gimbal possa muoversi senza ostacoli

• Controllare che le eliche siano fissate correttamente

• Accendere il DJI Phantom 4

• Controllare lo stato della batteria. Verificare che sia completamente carica e che non ci siano errori

• Controllare lo stato di calibrazione della bussola. Calibrare se qualcosa è spento o se siete in un luogo diverso dal vostro ultimo volo effettuato

• Controllare i LED di stato del veicolo

  1. Controllo applicazione mobile DJI GO 4

• Assicurarsi che la quota di volo massima sia stata impostata correttamente per questa posizione

• Assicurarsi che l’altitudine del Return-to-Home sia anche impostata correttamente per questa posizione

• Verificare che il gimbal sia a livello. Regolare, se necessario

• Controllare lo stato di volo nella DJI GO 4

• Assicurarsi che i satelliti GPS rilevati siano abbastanza

• Assicurarsi che il punto base sia stato impostato correttamente.

  1. Controllo al decollo

• Controllare che il luogo di decollo sia libero/sicuro per decollare

• Avviare i motori

• Decollare e librarsi sul posto

• Assicurarsi che il DJI Phantom 4 sia stabile, mentre si libra sul posto

• Controllare i comandi di volo. Spostare delicatamente gli stick del radiocomando, uno alla volta, e assicurarsi che il DJI Phantom 4 risponda come previsto

• Avviare la registrazione video

Checklist DJI Phantom 4 – Manutenzione ordinaria

Guida alla manutenzione del DJI Phantom 4

 

Il DJI Phantom 4 non richiede una grande manutenzione, ma per evitare che il drone incontri alcune difficoltà di funzionamento durante il volo, di seguito sono descritte alcune procedure da dover seguire per tenerlo in buone condizioni.

  • Manutenzione Intelligent Flight Battery
  1. È buona cosa controllare la batteria prima e dopo il volo. Se si notano dei danneggiamenti nell’involucro interno, è preferibile non utilizzarla più, scaricarla fino al 10% e buttarla. Non creare dei fori o smontare la batteria perché potrebbe prendere fuoco.
  2. Controlla i 4 contatti sulla batteria e i connettori di alimentazione. Puoi utilizzare spray dedicati per tenerli in buone condizioni (DeoxIt). Controlla/Pulisci anche i perni/connettori di contatto presenti nel vano batteria.
  3. Utilizza l’App DJI GO per controllare la tensione delle celle della batteria e assicurarti che siano simili. Se presenti delle variazioni nel voltaggio delle celle, significa che ci sono dei danni e la batteria non dovrebbe essere utilizzata: sotto o sopra 0.2V di differenza significa che è presente un problema.
  4. Assicurati di avere delle batterie di scorta e aggiorna il firmware, se aggiorni quello del Phantom.

 

  • Manutenzione Velivolo
  1. Verifica che le viti del DJI Phantom 4 siano ben strette. Potresti utilizzare un cacciavite Torx T6 e T8.
  2. Controlla il corpo del velivolo e verifica che non ci siano crepe.
  3. Ruota i motori manualmente e verifica che si muovano liberamente, fai attenzione ad eventuali rumori anomali. Inoltre, avvia i motori senza le eliche e valuta se ci siano delle differenze di suono.
  4. Controlla il carrello d’atterraggio e assicurati che non ci siano danni alle antenne o alla bussola. Inoltre, controlla i pattini sul fondo e sostituiscili se danneggiati.
  5. Controlla che i supporti anti-vibrazione della gimbal non abbiano subìto danni e che siano posizionati correttamente. Verifica che i perni anti-caduta siano installati correttamente.
  6. Controlla che il movimento della gimbal sia corretto e verifica che non ci siano dei rumori inusuali.
  7. Controlla che il VPS (Sistema di Posizionamento Visivo) sia pulito, poiché lo sporco potrebbe ridurre le sue prestazioni.
  8. Controlla che le eliche non presentino crepe o che non ci siano dei frammenti, oltre a verificare che siano ben collegate al mozzo.
Checklist DJI Spark – Decollo
  1. BATTERIA – Batterie del drone e del radiocomando completamente cariche
  2. ELICHE – Assicurarsi che le eliche siano correttamente connesse
  3. ACCENSIONE – Inserire la batteria, verificare che sia fissata fermamente e accendere
  4. RADIOCOMANDO – Associare il radiocomando al drone, verificare la calibrazione della bussola
  5. GPS – Assicurarsi di aver aggianciano almeno 8 satelliti
  6. RTH – Impostare la quota del RTH in modo da essere al di sopra di tutti gli ostacoli
  7. DECOLLO – Decollare ed assicurarsi che il drone sia stabile durante il volo librato
Checklist Manutenzione DJI Drone

Ispezione visuale

Ispezionare la guaina esterna e altri componenti per danni. Contattare il supporto DJI se si verifica un danno. Non modificare la struttura dei prodotti DJI. Utilizzare solo accessori originali o certificati DJI.

Controllare le condizioni delle eliche prima e dopo ogni volo. Assicurarsi che non ci siano lamelle piegate o crepe.

Ispezionare il gimbal per danni e lenti della fotocamera per polvere o sporcizia.

Batteria

Leggere le linee guida sulla sicurezza delle batterie di volo intelligenti

Utilizzare una batteria completamente carica. Se una batteria è inattiva per un lungo periodo di tempo, potrebbe compromettere la sua prestazione.

Non lasciare che la batteria venga a contatto con liquidi. Ciò porterà a danni permanenti.

Non rimuovere o installare la batteria dal drone quando è accesa.

Controllare lo stato della batteria nell’applicazione DJI GO dopo l’accensione nel drone. Tieni d’occhio gli avvisi di DJI GO durante il volo. Se l’applicazione DJI GO visualizza un avviso che le celle delle batterie sono anomale o danneggiate, interrompere l’utilizzo della batteria.

Seguire la temperatura indicata per l’uso della batteria.

Temperatura per utilizzo batteria – Prodotti

-20° a 40° C – Inspire 2

-10° a 40° C – Mavic Pro, serie Inspire 1, serie Phantom 3

0° a 40° C – Spark, Phantom 4 Series

Non caricare la batteria subito dopo un volo perché la temperatura della batteria potrebbe essere troppo elevata. Evitare di ricaricare la batteria al di fuori dell’intervallo di temperatura di ricarica indicato.

Intervallo temperatura di ricarica – Prodotti

0° a 40° C – Inspire 1 Series, Phantom 3 Series

5° a 40° C – Spark, Mavic Pro, Inspire 2, Phantom 4 Series

Una volta completata la carica, scollegare la batteria dal caricabatterie.

Controllare regolarmente il caricabatterie per danni al cavo, alla spina, all’involucro o ad altre parti. Non utilizzare mai un caricatore danneggiato.

Caricare completamente e scaricare la batteria ogni tre mesi per mantenere la salute della batteria.

Pre-riscaldare la batteria a 20° C quando la temperatura è inferiore a 10° C. Si raccomanda di utilizzare un riscaldatore DJI di batterie intelligenti. Il riscaldatore DJI di batterie intelligenti è supportato soltanto sulle batterie di volo intelligenti di serie Phantom 3 e di Inspire 1. La batteria di volo intelligente Inspire 2 dispone di riscaldamento automatico.

Se volate a temperature superiori ai 40° C, osservate la temperatura della batteria. Se la temperatura della batteria supera i 65° C, atterrate immediatamente.

Trasporti

Conservare la batteria in una scatola/sacchetto di trasporto specificato prima del transito per evitare danni da forze esterne. Non conservare una batteria con componenti metallici.

Rimuovere le batterie dal drone quando vengono conservate per un periodo prolungato.

Scaricare la batteria al 30% prima del transito. Se la batteria deve essere portata in aereo, scaricarla fino al 5% del suo potere totale. È possibile impostare le batterie in auto-scarico in DJI GO app.

Fissare il morsetto del gimbal quando riponi il drone. Ciò contribuirà efficacemente a evitare danni al tuo gimbal.

Se trasporti il ​​tuo drone a lungo, è una buona idea ricalibrare la bussola prima di volare di nuovo.

Rimuovere le vostre eliche quando trasporti il ​​tuo drone (non è necessario per Spark).

Conservazione

Conservare il drone in un luogo asciutto, fresco e non magnetico per evitare danni.

Quando il drone e la batteria saranno conservati per più di 3 mesi, conservare in circa 25° C ed evitare luce diretta del sole.

Scaricare la batteria dal 40 al 65% prima di riporla. La conservazione di una batteria a piena carica o a bassa carica per un lungo periodo può causare danni permanenti.

Seguire questi suggerimenti ti aiuterà a mantenere correttamente il tuo drone. Se ritieni utile, condividi questo articolo con altri piloti di drone.

CrystalSky

Che sistema operativo utilizza il monitor CrystalSky?

Il monitor CrystalSky utilizza un sistema operativo Android personalizzato integrato con le app DJI GO e DJI GO 4.

Come posso aggiornare il sistema operativo del monitor CrystalSky e DJI GO app?

È possibile aggiornare il sistema operativo tramite una connessione Internet o scaricando il pacchetto di aggiornamento dal sito ufficiale DJI, copiandolo in una scheda SD, e inserendo la scheda SD nel monitor. Il monitor comincerà l’aggiornamento quando viene acceso.
L’applicazione DJI GO può anche essere aggiornata tramite internet, ed è possibile aggiornare DJI GO e il sistema operativo allo stesso tempo.

Come viene regolata la luminosità del monitor CrystalSky?

La luminosità del monitor CrystalSky può essere regolata manualmente e automaticamente. Quando è impostata per regolarsi automaticamente, CrystalSky regolerà la sua luminosità in base alla luminosità ambiente rilevata dal suo sensore di luce.

Cos’è che rende diverso il CrystalSky dai display degli smartphone?

La luminosità massima sulla maggior parte degli smartphone è spesso tra i 500 cd/m2 e i 705 cd/m2. Il monitor High Brightness CrystalSky e il monitor Ultra Brightness CrystalSky raggiungono 1000 cd/m2 e 2000 cd/m2 rispettivamente, garantendo una visione confortevole sotto una luce intensa all’aperto.

Il monitor CrystalSky include un altoparlante e un microfono?

In quali piattaforme social posso condividere i miei video e foto?

Puoi condividerli in Facebook, Twitter, Instagram e altre reti social comuni.

Per cosa vengono utilizzate le due slot per schede SD sul monitor CrystalSky?

Possono aumentare la memoria del monitor CrystalSky, essere utilizzate per riprodurre i filmati registrati su una scheda Micro SD e per il backup dei filmati.

Posso installare altre applicazioni sul monitor CrystalSky?

No

Posso modificare filmati sul monitor CrystalSky?

Sì, è possibile utilizzare il monitor CrystalSky per modificare i tuoi filmati utilizzando l’applicazione DJI GO.

Posso personalizzare le funzioni dei tasti del monitor CrystalSky?

I tasti sul monitor CrystalSky non possono essere personalizzati, ma alcuni tasti sul radiocomando possono essere impostati per controllare le funzioni del CrystalSky utilizzando l’applicazione DJI GO. Per maggiori dettagli, vedere la sezione del radiocomando del manuale vostro prodotto rispettivo.

Può il monitor CrystalSky connettersi a reti Wi-Fi o a dispositivi mobili via Bluetooth?

Il monitor CrystalSky può connettersi a reti Wi-Fi o a hotspot Wi-Fi da un dispositivo mobile. Bluetooth non è supportato.

Qual è la differenza tra le versioni High Brightness e Ultra Brightness del CrystalSky monitor da 7.85″?

La luminosità della versione high brightness è 1000cd/m2, mentre la versione ultra brightness raggiunge 2000CD/m2.

Quali sono le porte sul monitor CrystalSky?

HDMI (3840 x 2160 output)
Dual micro SD card slots
Micro USB port
USB Type-C port

DJI Care Refresh

Come posso acquistare DJI Care Refresh per il mio Inspire 2?

Il piano di garanzia DJI Care Refresh è disponibile separatamente per l’Inspire 2, le camere Zenmuse X4S, e Zenmuse X5s. Se è stata acquistata più di una camera, DJI Care Refresh può essere acquistata per ciascuna di loro.

Come sostituisco il mio velivolo sotto DJI Care Refresh?

DJI care Refresh è legata al numero seriale del prodotto. Se si desidera sostituire il prodotto, contattare il supporto DJI via telefono, email o live chat. Quindi inviare il prodotto ad un centro di riparazione designato da DJI secondo le istruzioni del personale di supporto DJI. Lo staff DJI addetto alla riparazione condurrà la valutazione dei danni e invierà una fattura. Dopo aver ricevuto la fattura, è possibile scegliere di riparare il prodotto o sostituire il velivolo sotto DJI Care Refresh. Si riceverà una unità che è nuova o equivalente al nuovo in termini di prestazioni e affidabilità dopo aver pagato il costo del servizio specificato nel Contratto DJI Care Refresh. Il numero seriale del prodotto sostituito sarà legato automaticamente al vostro piano DJI Care Refresh.

Cosa è DJI Care Refresh?

DJI Care Refresh è un piano di servizio che vi offre la serenità mentale coprendo i danni al vostro prodotto DJI. DJI Care Refresh è valido per 12 mesi e offre fino a due sostituzioni complete ad un costo aggiuntivo, se si verificano danni accidentali al vostro prodotto durante il normale utilizzo. Ogni volta che si richiede una sostituzione, riceverete una unità in sostituzione che è nuova o equivalente al nuovo in termini di prestazioni e affidabilità.

DJI Care Refresh supporta la copertura internazionale?

No, attualmente DJI Care Refresh funziona solo all’interno di una regione di copertura. Tuttavia, la regione di copertura può essere diversa da quella in cui è stato acquistato il velivolo. Per esempio, se avete acquistato il vostro drone in Cina, è possibile acquistare DJI Care Refresh per gli Stati Uniti. È possibile utilizzare solo il servizio di garanzia del prodotto in Cina, ma è possibile utilizzare DJI Care Refresh per sostituire il prodotto al centro di assistenza DJI ufficiale degli Stati Uniti.

Dove è disponibile la DJI Care Refresh?

Attualmente, DJI Care Refresh è disponibile solo per i clienti provenienti da Stati Uniti, Canada, paesi dell’UE, Regno Unito, Australia, Hong Kong e Cina continentale. È possibile controllare se DJI Care Refresh è disponibile nel tuo paese nel DJI Store.

Dove posso trovare i numeri seriali del velivolo e del gimbal?

Per il prodotto della serie Mavic, il numero seriale del velivolo può essere trovato all’interno del vano batterie. Si deve inserire solo il numero seriale del velivolo quando si acquista DJI Care Refresh.
Per l’Inspire 2, il numero seriale del velivolo può essere trovato sulla coda del velivolo.
I numeri seriali dei Camera Gimbal Zenmuse X4S e X5S possono essere trovati sul gimbal.
Il numero seriale del Phantom 4 Pro può essere trovato all’interno del vano batterie. Si deve inserire solo il numero seriale del velivolo quando si acquista DJI Care Refresh.

Ho acquistato DJI Care Refresh, devo abbinarla al mio prodotto?

Se avete acquistato un prodotto e selezionato “DJI Care Refresh” con il vostro ordine su DJI Store, non è necessario abbinare di nuovo il servizio.
Se si acquista “DJI Care Refresh” separatamente su DJI Store, è necessario inserire il numero seriale del prodotto quando viene richiesto durante l’acquisto.
Se si acquista una scheda di attivazione “DJI Care Refresh”, è necessario inserire il codice di attivazione e il numero seriale del prodotto in http://store.dji.com/active-care per attivare la DJI Care Refresh.

il mio drone si è schiantato in acqua. La sostituzione sarà coperta da DJI Care Refresh?

I danni che si verificano dopo che il prodotto è venuto a contatto con l’acqua sono coperti dalla DJI Care Refresh. Il prodotto che subisce danni dovuti all’acqua può essere sostituito sotto DJI Care Refresh.

In quali regioni è disponibile il supporto telefonico?

L’assistenza telefonica è attualmente disponibile solo negli Stati Uniti, Canada, paesi dell’UE, Regno Unito, Hong Kong e Cina continentale.

Posso acquistare DJI Care Refresh per una nuova camera non attivata se il mio Inspire 2 è stato attivato da più di 48 ore?

DJI Care Refresh può essere acquistata per qualsiasi camera che non sia stata attivata o che è stata attivata da meno di 48 ore. Il periodo di validità per ogni piano di garanzia DJI Care Refresh è soggetto alla data stabilita nel contratto di servizio che riceverete via e-mail dopo l’acquisto.

Posso rinnovare la mia DJI Care Refresh quando espira? Quante volte posso acquistare la DJI Care Refresh per il mio velivolo?

No, non si può. Attualmente, ogni prodotto è idoneo per un solo DJI Care Refresh. Il piano di servizio non può essere rinnovato dopo la scadenza.

Qual’è la differenza tra DJI Care Refresh e la garanzia prodotto DJI? La garanzia prodotto DJI non è valida senza acquistare DJI Care Refresh?

Una garanzia del prodotto è la garanzia del servizio di riparazione fornito da un produttore, se vengono rilevati difetti del prodotto. DJI Care Refresh fornisce invece un servizio di sostituzione in caso di danni derivanti da danni accidentali al velivolo, eliche, o alla batteria durante il normale utilizzo. Si può ancora godere della garanzia dei prodotti standard di DJI senza comprare DJI Care Refresh, ma DJI Care Refresh può ridurre notevolmente i costi di manutenzione. Inoltre, se i costi di riparazione sono coperti dalla garanzia standard del prodotto, il saldo di sostituzione rimanente sulla DJI Care Refresh non verrà influenzato.

Quali parti possono essere sostituite sotto DJI Care Refresh?

Mavic Pro: velivolo, gimbal, camera, batteria ed eliche.
Phantom 4 Professional: velivolo, gimbal, camera ed eliche.
Inspire 2: velivolo ed eliche.
Zenmuse X4S e Zenmuse X5S: gimbal e camera.
Dopo aver effettuato una richiesta di sostituzione, inviare la parte da sostituire a DJI.

DJI Goggles

01. Qual è il modo corretto di indossare i DJI Goggles?

1. Inserire la fibbia della fascia nella fessura sopra le lenti fino a quando non si sente un clic. Controllare che sia stato fissato saldamente. 2. Allineare le lenti sugli occhi e tirare la cinghia verso il basso. Regolare la manopola della cinghia fino a quando la cuffia si adatta perfettamente e comodamente sulla testa.

02. Posso indossare occhiali mentre utilizzo il kit DJI Goggles?

Sì. I DJI Goggles possono essere indossati sopra gli occhiali.

03. I DJI Goggles sono resistenti all’acqua?

No, non lo sono

04. Come regolare la distanza interpupillare (IPD) tra le lenti? Quale distanza delle pupille mi si adatterà meglio?

Innanzitutto, ruotare la manopola IPD per regolare la distanza tra le lenti fino ad allineare le immagini. Quando le immagini si allineano, avrai la distanza più appropriata per le tue pupille.

05. Come evitare di toccare il touchpad per errore?

È possibile bloccare il touchpad spostando indietro con due dita su di esso.

06. Quando premo e tengo premuto il pulsante di accensione, i miei DJI Goggles a volte funzionano solo sporadicamente. Perché?

Per garantire il normale funzionamento del sistema, i DJI Goggles non risponderanno ad alcun comando di accensione/spegnimento entro 10 secondi dopo l’ultima accensione/spegnimento.

07. Quanti DJI Goggles possono essere collegati a un solo drone Mavic Pro contemporaneamente?

Oltre ad accoppiare i DJI Goggles con un drone Mavic Pro e un radiocomando, esistono altre due combinazioni di connessione: 1. Un drone Mavic Pro + due DJI Goggles + due radiocomandi Mavic Pro. 2. Un drone Mavic Pro + un DJI Goggles + due radiocomandi Mavic Pro

08. Cosa succede quando più di una coppia di DJI Goggles/Radiocomandi sono collegati allo stesso drone?

Nella modalità Coach, solo il radiocomando principale può cambiare la modalità di volo. Il drone inizia a rispondere al radiocomando slave solo quando il radiocomando principale non fornisce comandi per più di due secondi. Il radiocomando principale può prendere il controllo in qualsiasi momento. In Dual Mode (un drone + due DJI Goggles + due radiocomandi), il DJI Goggles slave non supporterà la modalità Head Tracking (controllo dei movimenti con la testa). Se il radiocomando e i DJI Goggles sono gestiti da un medesimo operatore, è necessario uno spettatore che sia in grado di fornire istruzioni e avvertenze per garantire il volo sicuro.

09. Quali droni DJI sono compatibili con i DJI Goggles tramite cavo USB?

Phantom 4, Phantom 4 Pro, Phantom 4 Advanced e Inspire 2.

10. Quali dispositivi possono essere collegati ai DJI Goggles utilizzando il connettore HDMI?

Qualsiasi dispositivo che abbia una porta HDMI

11. Per cosa è utilizzato lo slot per la scheda Micro SD sui DJI Goggles?

Lo slot Micro SD Card sui DJI Goggles è utilizzato per scaricare i file dal drone alla scheda SD inserita nei DJI Goggles per il backup e per visualizzare i file video catturati (solo i video con una risoluzione di 1080P/60fps o inferiore possono essere visualizzati tramite gli occhiali).

12. Posso scaricare dei video non registrati da un drone su una scheda Micro SD e inserirla nel DJI Goggles per guardarli?

No

13. Perché il Mavic Pro è l’unico drone che può essere collegato wireless a DJI Goggles?

A causa di OcuSync. Lo stesso sistema di trasmissione video utilizzato dal Mavic Pro è stato integrato anche nei DJI Goggles, rendendo possibile la connessione wireless tra questi due dispositivi.

14. Quali sono le principali differenze tra modalità HD e modalità Smooth?

In modalità HD, la risoluzione dei filmati trasmessi raggiunge i 1080p/30fps per una distanza ravvicinata, abbassandosi a 720p/30fps per una distanza remota o quando influenzato da interferenze. In modalità Smooth, la risoluzione rimarrà a 720p/60fps. Il primo è per un’esperienza FPV più chiara ed immersiva, e quest’ultima è per i filmati FPV più fluidi.

15. Perché la qualità dell’immagine di trasmissione video nei miei DJI Goggles cambia a volte?

La risoluzione dei video trasmessi visibili nei DJI Goggles cambia insieme alla risoluzione di registrazione video. Di conseguenza: 1. Quando il video viene registrato a 4K, la risoluzione massima di trasmissione video è 720p/30; 2. Quando il video viene registrato a 2.7K, la risoluzione di trasmissione video supera 1080p/30; 3. Quando il video viene registrato a 1080p o inferiore, a seconda che la frequenza di fotogramma sia superiore a 30 fps o inferiore a 30 fps, la risoluzione massima della trasmissione video sarà rispettivamente di 720p/60fps o 1080p/30fps.

16. Qual è la differenza tra gli schermi DJI Goggles a 1080p e gli altri schermi a 2K?

Tipici schermi “2K” all’interno di altre marche di occhiali sono suddivisi in due sezioni 1280×1440, una per ogni occhio a 720p. I DJI Goggles utilizzano doppi schermi a 1080p, il che significa che ogni schermo ha una risoluzione massima di 1920*1080.

17. Che tipo di latenza è presente quando i DJI Goggles sono collegati a diversi dispositivi?

La latenza di trasmissione video in HD (a distanza ravvicinata e senza interferenze) può essere inferiore a: 110 ms (Mavic Pro, 720p60, formato video: 720p120), 150 ms (serie Phantom 4, 720p60, formato video: 720p60/720p120), 140 ms (Inspire 2 + X5S, 720p60, formato video: 1080p120), 190 ms (Inspire 2 + X4S, 720p60, formato video: 1080p60)

18. Come posso aggiornare il firmware dei DJI Goggles?

Ci sono tre modi principali per aggiornare il firmware: 1. Collegare direttamente il tuo DJI Goggles a un PC. 2. Collegare il radiocomando, il drone e i DJI Goggles  prima di collegare il radiocomando a un PC e aggiornare tutti e tre i dispositivi insieme. 3. Abbinare il radiocomando, il drone e i DJI Goggles, quindi connettere il radiocomando con l’applicazione DJI GO (o DJI GO 4.0) per aggiornare i tre dispositivi contemporaneamente nell’applicazione.

19. I DJI Goggles offrono le stesse funzioni a prescindere dal dispositivo a cui sono connessi? Altrimenti, quali sono le differenze principali?

No. Per le funzioni specifiche a seconda dei diversi dispositivi a cui sono collegati i DJI Goggles, fare riferimento al manuale d’uso. (Il Phantom 4 supporterà presto il Head Tracking, controllo del movimento tramite la testa).

20. Perché un drone collegato agli occhiali DJI continua a ruotare in modalità Head Tracking anche quando ho già smesso di muovermi?

Nella modalità Tracking Head, la rotazione del drone dipende dai movimenti della testa del pilota. Se il pilota non si ferma dove ha iniziato a muoversi, il drone continuerà a girare finché il pilota non riesce a riportare la testa nella posizione originale.

21. Perché i tasti C1/C2 del radiocomando del Mavic Pro smettono di rispondere quando il radiocomando è collegato ai DJI Goggles?

Per facilitare il funzionamento, quando il Mavic Pro è collegato ai DJI Goggles, i pulsanti C1/C2 vengono impostati automaticamente sui pulsanti Fn/Back, che funzionano come quelli sui DJI Goggles.

DJI Refurbished

1. Cosa sono i prodotti ricondizionati DJI?

I prodotti restituiti dai clienti entro sette giorni dopo la conferma della ricevuta verranno rigorosamente esaminati, ristrutturati e riconfezionati e venduti come prodotti ricondizionati da DJI. I prodotti ricondizionati attualmente offerti da DJI includono il Phantom 3 Standard/Advanced/Professional e Phantom 4.

2. E’ garantita la qualità dei prodotti ricondizionati DJI ?

DJI vi promette che ogni prodotto ricondizionato viene testato accuratamente e che la qualità e l’aspetto dei prodotti ricondizionati sono uguali a quelli nuovi.

3. A che tipo di servizio post-vendita sono ammessi i prodotti ricondizionati DJI?

La politica di assistenza post-vendita dei prodotti ricondizionati DJI è identica a quella dei nuovi prodotti. Tuttavia, i prodotti ricondizionati possono essere scambiati solo con prodotti ricondizionati, non con nuovi prodotti.

4. Posso acquistare DJI CARE per i prodotti ricondizionati?

Sì, puoi acquistare DJI CARE per un prodotto ricondizionato. La quantità di copertura sarà la stessa per un nuovo prodotto.

5. Come posso acquistare i prodotti ricondizionati DJI?

I prodotti ricondizionati sono disponibili sul DJI Online Store e su altre piattaforme online come eBay. I prodotti ricondizionati possono essere acquistati anche dai DJI Authorized Dealers.

6. Come faccio a identificare i prodotti ricondizionati?

Il numero seriale dei prodotti ricondizionati terminerà con una “R”.

7. I prodotti ricondizionati sono disponibili in diverse versioni?

Il DJI Phantom 3 Advanced/Professional ricondizionato è disponibile in due versioni, ciascuna con un diverso tipo di motori (2312 e 2312A) con prestazioni uguali. Spediremo le diverse versioni del Phantom 3 Advanced/Professional ricondizionato a caso.

Il DJI Phantom 3 Standard e Phantom 4 ricondizionato sono disponibili in una sola versione.

Inspire 2

Ci sono eventuali condizioni specifiche necessarie per l’Inspire 2 per raggiungere una portata di trasmissione video di 7 chilometri?

La distanza qui si riferisce ad ambienti liberi da ostacoli e interferenze, sotto specifiche conformi FCC.

Come faccio a sapere che le batterie siano montate in modo corretto?

Si sentirà il clic del pulsante di rilascio a confermare il successo nel montare ciascuna batteria.
Altri segni sono che il pulsante avrà meno corsa quando si tocca, e che le batterie non si staccheranno se vengono tirate.
La app DJI GO 4, inoltre, non vi informerà degli errori e non mostrerà lo stato completo per ogni batteria quando non sono montate correttamente.

Come posso accoppiare fino a due batterie?

Si prega di abbinare le batterie attraverso l’interfaccia batteria della app DJI GO 4.

Cosa devo fare con le batterie se non ho intenzione di usarle per un lungo periodo? Qual’è la durata massima di stoccaggio?

Si consiglia di mantenere le Intelligent Flight Batteries con una carica del 50% quando non sono utilizzate a lungo.
Se non vengono utilizzate per un periodo molto lungo, si consiglia inoltre di scaricarle completamente ogni 3 mesi.

Cosa succede se si verifica un errore in una batteria?

L’Inspire 2 controlla continuamente lo stato della batteria e notificherà attraverso la app DJI GO 4 se una batteria ha malfunzionamenti.
In questo caso, bisogna atterrare immediatamente.

Di che tipo di motori ed eliche fa uso l’Inspire 2?

L’Inspire 2 la motori 3512 motors ed eliche 1550T.

Il disco SSD (Solid State Drive) è incluso nella confezione dell’Inspire 2?

No. È necessario acquistare il DJI CINESSD e il lettore di card DJI CINESSD Station separatamente.

Il radiocomando dell’Inspire 2 è dotato di un monitor?

No. Il radiocomando ha un supporto per dispositivo mobile per smartphone e tablet. È inoltre possibile acquistare il monitor DJI CrystalSky.

Il radiocomando dispone di una porta Training?

Non vi è alcuna porta Training sul radiocomando dell’Inspire 2.

Il sistema di propulsione del Inspire 2 è stato migliorato rispetto all’Inspire 1?

Sì. L’Inspire 2 utilizza motori 3512 ed eliche 1550T. La spinta massima per ogni rotore raggiunge fino a 2 kg.
Migliaia di ore sono state spese per le prove al fine di garantire la massima sicurezza e affidabilità.

L’Inspire 2 è dotato di camera e gimbal inclusi?

No. Il gimbal e la camera vanno acquistati a parte.

L’Inspire 2 è dotato di eliche Highland?

No, acquistare le eliche Highland separatamente.

L’Inspire 2 è dotato di sistema per evitare gli ostacoli?

Sì. Il suo sistema di visione frontale è in grado di rilevare ostacoli fino a 30 metri più avanti, mentre i sensori a infrarossi rivolti verso l’alto sono in grado di percepire gli ostacoli all’interno di un raggio di 5 metri.

L’Inspire 2 è dotato di una scheda Micro SD?

Sì. Inclusa nella confezione c’è una scheda Micro SD da 16 GB. Supporta schede SD fino a 128 GB.

L’Inspire 2 ha dei componenti ridondanti?

Sì. Molte parti chiave del Inspire 2 sono state progettate con ridondanza, compresi i sensori IMU e barometri.
La centralina dell’Inspire 2 analizza i dati di ridondanza in tempo reale, al fine di garantire che i dati di volo siano corretti.

L’Inspire 2 ha la funzione Return to Home (RTH)?

Sì. Durante il RTH, l’Inspire 2 è in grado di raccogliere informazioni sull’ambiente e pianificare automaticamente il miglior percorso di ritorno al punto base.
Essendo in grado di rilevare gli ostacoli a 200 metri, ripristina anche la comunicazione più velocemente con il radiocomando durante il RTH dopo aver perso il segnale, in modo da rendere il RTH sicuro ed efficace.

L’Inspire 2 supporta i radiocomandi Master e Slave?

Sì. La distanza massima effettiva tra i radiocomandi Master e Slave è di 100 metri, ed entrambi i radiocomandi riceveranno le stesse immagini HD in tempo reale.

L’Inspire 2 supporta i vecchi camera gimbal Zenmuse?

Attualmente solo i nuovi Zenmuse X4S e Zenmuse X5S sono supportati.

La rotazione pitch della camera FPV è controllabile?

Sì. Premere e tenere premuto il pulsante C2, e allo stesso tempo utilizzare la ghiera di sinistra per controllare il pitch. L’asse di rollio non è controllabile.

Lo Zenmsue X4S supporta Adobe CinemaDNG e Apple ProRes?

No

Perché ho bisogno di abbinare le due batterie?

Caricando e scaricando un paio di batterie insieme si massimizza il tempo di volo e la vita della batteria.

Posso trasportare la Intelligent Flight Battery del Inspire 2 su un aereo commerciale?

La Intelligent Flight Battery del Inspire 2 ha una capacità di 97.5Wh. La maggior parte delle compagnie aeree consentono il trasporto di batterie inferiori a 100 Wh nel bagaglio a mano. Tuttavia, i regolamenti possono variare tra le compagnie aeree e le regioni, si prega quindi di contattare la propria compagnia aerea o l’organismo di regolamentazione di destinazione.

Posso usare Adobe CinemaDNG e Apple ProRes acquistando lo Zenmuse X5S?

No, sarà necessario acquistare una DJI License Key per abilitare questi formati.

Posso usare il radiocomando del Inspire 1 con l’Inspire 2?

No. È necessario utilizzare un radiocomando Inspire 2 con il vostro drone Inspire 2.

Posso utilizzare batterie con differenti livelli di carica?

L’Inspire 2 può decollare se la differenza di potenza delle due batterie è di circa il 13%. Se non è in grado di decollare, l’applicazione DJI GO 4 vi informerà che “la discrepanza di carica tra le due batterie è troppo grande”.

Qual è il più grande tablet che si inserisce nel supporto del dispositivo mobile del radiocomando?

Il supporto in grado di contenere un iPad Air o altri tablet di dimensioni simili. Il tablet non deve essere più di 170 millimetri di altezza.

Qual è il tempo di volo massimo del Inspire 2?

Fino a 25 minuti con lo Zenmuse X5S. Fino a 27 minuti con lo Zenmuse X4S.

Qual è la distanza massima di controllo tra radiocomando Master e Slave?

I radiocomandi Master e Slave possono mantenere una connessione a distanze fino a 100 metri.

Qual è la latenza del sistema di trasmissione video del Inspire 2?

Inferiore a 220 ms.

Qual è la massima velocità di volo del Inspire 2?

Max Velocità di Salita 6m/s (Sport Mode);
Max Velocità di Discesa: Verticale, 13.1 ft/s (4 m/s); Tilt, 13.1-29.5 ft/s (4-9 m/s)
Default tilt è 13.1 ft/s (4 m/s), si può impostare nella app.
Velocità Massima 26m/s, 58 mph (94 kph, volo frontale in S-mode).

Qual è la quota minima richiesta per l’avvio ActiveTrack?

Per utilizzare ActiveTrack, si dovrebbe tenere l’Inspire 2 almeno a 2 m dal suolo e impostare la modalità di volo a P-Mode.

Qual è la risoluzione della fotocamera frontale dell’Inspire 2?

640 x 480px.

Quali camere e gimbal sono compatibili con Inspire 2?

The Inspire 2 attualmente supporta lo Zenmuse X4S e Zenmuse X5S.

Quali modalità di lavoro supporta il radiocomando?

Aprire l’applicazione DJI GO 4, fare clic sull’icona del radiocomando e accedere a Impostazioni.
È possibile scegliere MODE1, MODE2, MODE3, Personalizzato e altro in Stick Mode.

Quali schede Micro SD sono supportate?

Attualmente le schede Micro SD supportate sono:
Sandisk Extreme 32GB UHS-3 V30 MicroSDHC;
Sandisk Extreme 64GB UHS-3 V30 MicroSDXC;
Panasonic 32GB UHS-3 MicroSDHC;
Panasonic 64GB UHS-3 MicroSDXC;
Samsung PRO 32GB UHS-1 MicroSDHC;
Samsung PRO 64GB UHS-3 MicroSDXC;
Samsung PRO 128GB UHS-3 MicroSDXC.

Quali sono le capacità disponibile del DJI CINESSD?

120GB , 240GB e 480GB.

Quali sono le caratteristiche principali del radiocomando e sistema trasmissione video del Inspire 2?

Il nuovo sistema di trasmissione video dual-band Lightbridge HD ha una distanza di trasmissione massima di 7 km*.
Il video trasmesso dalla telecamera FPV e fotocamera principale (1080p o 720p) possono essere visualizzati simultaneamente attraverso la funzione Picture in View. Il sistema dual-band è composto da 2,4 GHz ISM e 5.8 GHz ISM**, fornendo all’Inspire 2 una maggiore resistenza contro le interferenze.
* Accessibile, priva di interferenze, conforme FCC.
** In conformità alla legge e ai regolamenti locali, 5,8 GHz non è disponibile in alcuni paesi.

Quali sono le dimensioni del Inspire 2?

Lungh.:42,7 cm x Alt.:31,7 cm x Largh.:42,5 cm senza eliche (modalità Landing).

Quanto tempo ci vuole caricare completamente la batteria? Ottengo un caricatore standard della batteria insieme al drone?

Nella confezione dell’Inspire 2 è incluso un caricabatteria da 180W e un Battery Charging Hub.
Quando si collega il caricabatteria standard al Battery Charging Hub, occorrono circa 90 minuti
per ricaricare 2 batterie e 180 minuti per ricaricarne 4.

Quanto tempo ci vuole per ricaricare il radiocomando? Quanto tempo dura con una carica completa?

Il radiocomando è dotato di una batteria da 6000 mAh LiPo 2S. Ricaricare completamente il radiocomando del Inspire 2 richiede circa 3 ore.
Può essere utilizzato per circa 4 ore dopo essere stato completamente caricato.

Mavic Pro

A che distanza può volare il Mavic con una singola carica?

Con tempo calmo e in condizioni ideali, il Mavic può volare fino a 8 miglia (13 km) a 31 mph (50 km/h). Le prestazioni reali possono variare, però, quindi invitiamo a monitorare il livello della batteria in ogni momento.

Che cosa è un Battery Charging Hub? Qual è la differenza tra le due versioni del Battery Charging Hub del Mavic?

I due Charging Hubs possono entrambi ricaricare fino a 4 batterie contemporaneamente. Al fine di ricaricare completamente la prima batteria il più rapidamente possibile, le Intelligent Flight Batteries sono ricaricate in sequenza secondo i loro livelli di potenza, da alto a basso. Questo per avere più velocemente tutte le batterie completamente cariche. Ci sono due differenze principali tra i due Hub di ricarica. In primo luogo, lo standard Charging Hub supporta solo il caricabatterie da auto da 50W del Mavic, mentre la versione avanzata supporta anche il caricabatterie da 100W e il caricabatterie da auto del Phantom 4. In secondo luogo, la versione avanzata equilibrerà la tensione di ogni cella della batteria migliorando l’efficienza di carica. Quando la ricarica di una batteria entra nella seconda metà della sua fase di carica, la prossima batteria entra nella fase della prima metà di ricarica. Con 4 batterie tutte al 15%, il caricabatterie avanzato può ottenere 4 batterie completamente cariche in 140 minuti con il caricatore da 100W del Phantom 4, mentre la versione di serie avrà bisogno di 270 minuti con il caricabatterie da 50W del Mavic.

Che cosa significa quando la barra di avanzamento si blocca durante un aggiornamento?

Entrambi i dispositivi hanno diverse velocità di aggiornamento. Ci vorranno circa cinque minuti per il radiocomando, dieci minuti per il drone e 15 minuti per aggiornare entrambi contemporaneamente. Se l’aggiornamento richiede più tempo, controllare la connessione di rete e il cavo USB o spegnere, riavviare e riprovare.

Come abilitare l’auto focus sulla camera del Mavic Pro?

La messa a fuoco è essenziale per l’acquisizione di immagini nitide. Per attivare la messa a fuoco automatica:
1. Toccare lo schermo nell’interfaccia camera dell’applicazione DJI GO.
2. Toccare a lungo lo schermo per attivare la messa a fuoco automatica quando si utilizza ActiveTrack, TapFly e Modalità Gesto. (Questa funzione deve essere abilitata in Impostazioni Generali)
3. Mettere a fuoco al centro premendo un tasto personalizzabile. C1 è impostato di default e può essere utilizzato durante il volo normale o durante l’utilizzo di modalità di volo intelligenti.

Come entrare in modalità Portrait?

Scorrere verso sinistra sullo schermo e toccare l’icona Portrait/Landscape, o premendo i pulsanti personalizzabili.

Come faccio a passare tra le due modalità di controllo?

In primo luogo, assicurarsi che il velivolo sia spento. Quindi, aprire il piccolo coperchio sul lato destro del corpo del velivolo. Spostare lo switch a sinistra per abilitare il controllo Wi-Fi o a destra per utilizzare il radiocomando.

Come faccio a tornare alla password Wi-Fi di default?

Accendere il Mavic in modalità Wi-Fi, premere il pulsante di linking e tenerlo premuto per 5 secondi.

Come posso impostare SSID e password del Wi-Fi?

Collegarsi al Mavic tramite Wi-Fi e quindi andare in Camera View. Ora andare in Impostazioni Wi-Fi per impostare manualmente SSID e password.

Cosa è l’adattatore da batteria del Mavic ad alimentatore di ricarica?

Questo adattatore può essere collegato alla Intelligent Flight Battery del Mavic, trasformandola in un alimentatore di ricarica. Grazie alla sua elevata capacità, una Intelligent Flight Battery al 25% di carica è in grado di ricaricare completamente il radiocomando del Mavic o un iPhone 6.

Cosa fa il pulsante Pausa sul radiocomando?

Comanda al Mavic Pro di librarsi, fermando il volo.

Cosa succede se il radiocomando viene scollegato dal drone dopo un aggiornamento?

Si prega di fare riferimento alle istruzioni nel manuale utente e associare il telecomando e drone. Vedere gli ultimi numeri di versione per assicurarsi che entrambi siano stati aggiornati correttamente.

Cosa succede se la versione del firmware della batteria si differenzia dalla versione del firmware del velivolo dopo l’aggiornamento?

DJI GO esaminerà la coerenza delle versioni per tutti i dispositivi. Se c’è un problema, seguire le istruzioni in DJI GO per un ulteriore aggiornamento.

Cosa succede se le eliche non sono completamente dispiegate prima del volo?

Una volta che i rotori iniziano a girare, la forza centrifuga spingerà automaticamente le eliche nella posizione corretta, quindi non è necessario preoccuparsi di non averle dispiegate perfettamente.

Devo togliere le eliche per il trasporto?

No. Basta piegare le eliche e siete a posto.

Dopo aver scaricato il firmware con successo, posso scollegarmi da internet e continuare l’aggiornamento?

I motori del Mavic non sono tutti sullo stesso piano. Questo influenzerà le sue prestazioni di volo?

No

Il caricabatterie del Mavic può ricaricare la Intelligent Flight Battery e il radiocomando?

Sì, si può ricaricare una batteria e altri due dispositivi contemporaneamente tramite USB. Tuttavia, ci vorrà più tempo per ricaricare completamente i dispositivi.

Il Mavic Pro è impermeabile?

No. Poiché il telaio del Mavic è basso, decollare e atterrare solo in aree idonee che siano piane e prive di pozzanghere.

Il meccanismo pieghevole si usura e avrà bisogno di sostituzione?

Il meccanismo di chiusura è stato testato per durare almeno 5000 piegature. E’ improbabile che si usuri durante la vita del Mavic.

Il radiocomando sarà aggiornato quando si aggiorna il velivolo tramite USB?

No. In questo caso, solo il velivolo sarà aggiornato.
Si prega di fare riferimento alle istruzioni riportate di seguito quando si utilizza DJI Assistant 2 per fare l’aggiornamento.
1. Per aggiornare il solo radiocomando: Spegnere il drone e collegare il radiocomando al computer tramite USB.
2. Per aggiornare il solo drone: Collegare il drone al computer tramite USB.
3. Per aggiornare il drone e il radiocomando insieme: Accendere il drone e collegarlo al radiocomando quindi collegare il radiocomando al computer tramite USB; Una volta che il drone e il radiocomando sono collegati al computer, DJI Assistant 2 risponderà al dispositivo che è stato collegato per primo.

La aggiornamento fallisce se il livello della batteria del velivolo o del radiocomando è inferiore al 50%?

L’aggiornamento non si avvia se i livelli delle batterie sono inferiori al 50%. Dopo aver scaricato il firmware, verificare il velivolo e il radiocomando che abbiano la carica sufficiente per continuare l’aggiornamento. Tuttavia, l’aggiornamento continuerà a funzionare normalmente se i livelli della batteria scendono al di sotto del 50% durante un aggiornamento.

La batteria del Mavic supporta la ricarica rapida?

Sì. La Intelligent Flight Battery Mavic supporta la ricarica rapida a quasi 2C, con una potenza massima di carica di 100W. La potenza nominale del caricabatteria è di 50W, e la potenza nominale del Mavic Car Charger è di 78W. Quando si utilizza l’Advanced Charging Hub con un adattatore da 100W, la batteria può essere caricata a 100W.

Perché il Mavic ha un tempo più lungo volando che restando fermo in aria?

Grazie al suo sistema di rotore ottimizzato per il volo in avanti e il suo design aerodinamico, quando vola alla velocità ottimale per il consumo di energia, il Mavic consuma meno energia che rimanendo fermo. Questo è il motivo per cui è in grado di avere un tempo di volo di 27 minuti, mentre il suo tempo restando fermo in aria è di 24 minuti.

Posso aggiornare attraverso DJI GO quando si usa Wi-Fi per controllare il drone?

No. Non è possibile aggiornare il drone in questo caso. Tuttavia è possibile aggiornare altri componenti alla stessa versione del firmware del drone.

Posso utilizzare altre app QR code per scansionare il QR code e connettersi al velivolo via Wi-Fi?

No. È necessario utilizzare l’applicazione DJI GO per la connessione al velivolo.

Posso utilizzare un regolare cavo USB per collegare il mio telefono e radiocomando?

Si, è possibile. Tuttavia, per la migliore esperienza utente, si consiglia di utilizzare un cavo dedicato Mavic RC (RadioComando) per collegare il telefono.

Posso zoomare durante le riprese?

Il Mavic Pro supporta uno zoom digitale 2x, ma non supporta lo zoom ottico. È possibile ingrandire o ridurre trascinando il cursore sullo schermo o premendo i pulsanti personalizzabili.

Qual è il più alto livello di vento a cui il Mavic può resistere?

Il Mavic può resistere a un vento di livello 5, chiamato anche una brezza fresca. Questo è definito con velocità del vento di 19-24mph (29-38km/h).

Qual è il vantaggio del Wi-Fi dual band?

La frequenza 2.4G Wi-Fi è stata sviluppata molto tempo fa, 5G Wi-Fi è più recente. Poiché 2.4G è più vecchia, più dispositivi utilizzano questa frequenza, il che rende maggiori le probabilità di interferenze. 5G è meno soggetto a interferenze, in quanto ci sono meno dispositivi 5G, ma non tutti i telefoni supportano la frequenza 5G. È possibile passare tra queste due bande di frequenza nel menu Impostazioni Wi-Fi nella app DJI GO.

Qual è il vantaggio principale del sistema di trasmissione video OcuSync?

OcuSync ha una portata fino a 4,3 miglia (7 km) offrendo una maggiore resistenza alle interferenze ed una portata di trasmissione più elevata. A distanze minori viene trasmesso il video in tempo reale a terra con una risoluzione di 1080p e permette anche foto e video download a 40Mb/s.

Qual è la corrente massima in uscita dell’adattatore da batteria del Mavic ad alimentatore di ricarica?

L’adattatore ha due porte USB che possono essere utilizzate contemporaneamente. La tensione di uscita è 5V, e la corrente massima è 2A + 2A.

Qual è la differenza principale tra Mavic e Phantom 4?

Il Mavic è più piccolo, più leggero e più facile da portare con voi grazie al suo design pieghevole. Il suo nuovo sistema di trasmissione OcuSync ha una maggiore portata della trasmissione ed una risoluzione di 1080p. Grazie alla sua dimensione più grande, il Phantom 4 ha una velocità massima maggiore e può resistere a forti venti.

Qual è la differenza tra calibrazione veloce e calibrazione avanzata?

Quando il sistema di visione non riesce a funzionare normalmente, si può fare una rapida calibrazione attraverso la app DJI GO, oppure collegare il drone a un computer per eseguire la calibrazione avanzata per una maggiore precisione.

Qual è la differenza tra il sistema Intelligent Vision Positioning System del Mavic e un Optical Flow Vision Positioning System?

Il Mavic combina due sensori di visione in avanti e due verso il basso per realizzare l’hovering di precisione. Pertanto, non richiede altro che una superficie modellata e abbastanza luce disponibile per essere in grado di librarsi in modo stabile fino a 13 m dal suolo. Anche se il Mavic è in grado di identificare i punti di riferimento sul terreno, si può ancora fare affidamento sui suoi sensori di visione in avanti per librarsi. Al contrario, un sistema di flusso ottico, richiede informazioni provenienti da sensori ad ultrasuoni per completare la sua visione delle superfici modellate. Un esempio per mostrare la differenza tra i due sistemi è quando il velivolo sta tornando a voi mentre si sta in piedi su un balcone. Quando si vola oltre il balcone, i droni che utilizzano il flusso ottico riceveranno i dati da due fonti che misurano l’altezza sopra la superficie sottostante in modo diverso – uno è la sua altezza dal suolo, e l’altro l’altezza sopra il balcone. Poiché i dati non sono compatibili, un sistema di flusso ottico può diventare confuso. Un altro esempio è quando il terreno sottostante il drone è coperto da vegetazione. Piante ed alberi non riflettono il suono così come altre superfici, causando una impossibilità per i sensori ad ultrasuoni del sistema flusso ottico di raccogliere i dati di altitudine. In conclusione, Intelligent Vision Positioning System del Mavic richiede meno fattori ed è quindi più affidabile nella sua funzionalità.

Qual è la differenza tra l’utilizzo del radiocomando per controllare il Mavic, e l’utilizzo dello smartphone per controllarlo via Wi-Fi?

Il radiocomando del Mavic utilizza la tecnologia di trasmissione OcuSync di DJI, fornendogli una portata maggiore, fino a 4.3mi (7 km) in aree aperte senza interferenze, conformi FCC. Quando si utilizza uno smartphone collegato via Wi-Fi, la portata di controllo è di 80m, e l’altitudine massima è di 50 metri, che lo rende adatto per le riprese a corto raggio come selfie e per l’utilizzo di ActiveTrack. È anche possibile scaricare foto e video direttamente dal Mavic al dispositivo mobile tramite Wi-Fi. Facendo scorrere lo switch Control Mode sul lato destro del velivolo, è possibile scegliere facilmente tra la modalità RC o Wi-FI a seconda del tipo di trasmissione che si desidera.

Qual è la differenza tra la fotocamera del Mavic e quella del Phantom 4?

Le due fotocamere hanno le stesse caratteristiche, ma la fotocamera del Mavic ha un FOV più piccolo, è in grado di mettere a fuoco ad una distanza ravvicinata di 0,5m e può essere ruotata di 90° per ritratti e selfie. Il FOV più grande del Phantom 4 lo rende più adatto per le riprese di paesaggi.

Qual è la distanza minima e velocità di volo massima alla quale il Mavic può volare, evitando gli ostacoli?

Il Mavic eviterà automaticamente gli ostacoli a 50ft (15m) di fronte ad esso. La velocità massima alla quale il Mavic è in grado di evitare gli ostacoli è 22 mph (30km/h).

Qual è la latenza della trasmissione di OcuSync?

160 ms-170 ms dalla fotocamera del Mavic allo schermo del vostro dispositivo in condizioni ideali.

Qual è la risoluzione del video in tempo reale via OcuSync?

Gli utenti possono passare da 1080p e 720p manualmente. Tuttavia noi non suggeriamo agli utenti di utilizzare il 1080P quando vi è una forte interferenza elettromagnetica o per la trasmissione a distanze elevate.

Qual’è la differenza tra Cavo del Radiocomando (Standard Micro USB Connector) e (Reverse Micro USB Connector)?

Il Cavo del Radiocomando (Standard Micro USB Connector) è compatibile con: Samsung, Huawei, Motorola e altri. Il Cavo del Radiocomando (Reverse Micro USB Connector) è compatibile con: HTC, Mi, OPPO e altri. Per Sony, VIVO ed altre marche, la compatibilità dipende dal modello. Fare attenzione a selezionare quello adatto per il proprio telefono.

Quali cavi del radiocomando sono inclusi con il Mavic al momento dell’acquisto?

Tre cavi sono inclusi nella confezione: una con connettore Lightning, uno con un connettore micro-USB standard e il terzo è con connettore USB Type-C

Quali pulsanti personalizzabili ha il Mavic Pro?

I tasti C1, C2 e 5D sul radiocomando sono personalizzabili. Impostazioni predefinite: C1:Messa a fuoco centrale, C2:Riproduzione, 5D Sopra:Ricentra il gimbal, 5D Sotto:Tilt gimbal verso il basso, 5D Sinistra:Zoom avanti, 5D Destra:Zoom indietro.

Quali sono le condizioni necessarie per l’atterraggio di precisione?

L’atterraggio di precisione è una versione aggiornata del GPS RTH. Necessita di un segnale GPS abbastanza forte per avviare l’atterraggio di precisione, in modo che il Mavic possa navigare indietro nella vicinanza del punto di decollo. Poi, il velivolo deve essere in grado di riconoscere visivamente il modello del terreno da cui è decollato, per esempio crepe o altri modelli identificabili. Una zona uniforme della sabbia, tuttavia, non è adatta per un atterraggio di precisione. Infine, il Mavic deve catturare immagini del terreno durante il decollo per registrarne il suo aspetto. Questo significa che si dovrebbe dare il tempo sufficiente al Mavic durante la salita e volare fino a circa 10 m sopra il punto di decollo, invece di volare via subito dopo il decollo.

Quali sono le dimensioni dello smartphone per andare bene all’interno del radiocomando del Mavic?

Il radiocomando del Mavic supporta smartphone con spessore tra 6.5 e 8.5mm e fino a 160mm di lunghezza, senza la custodia del telefono. Smartphone e tablet più grandi di questo non si adattano al supporto del radiocomando.

Quali sono password e SSID predefiniti del Wi-Fi?

Per motivi di sicurezza, ogni Mavic ha il proprio SSID e password che possono essere trovati su un adesivo su uno degli avambracci del velivolo e all’interno del vano batterie. Per il primo utilizzo, è possibile eseguire la scansione del codice QR con la app DJI GO per connettersi al velivolo*, oppure inserire manualmente la password in impostazioni Wi-Fi del telefono. (* Disponibile solo per i dispositivi Android).

Quando il radiocomando è collegato via USB, il mio computer e DJI Assistant 2 si bloccano. Perché?

Il radiocomando non supporta la sostituzione a caldo. Assicurarsi che il radiocomando sia spento prima di collegarlo al computer. Accendere il radiocomando dopo la connessione.

Quando si scatta in modalità messa a fuoco manuale, i miei scatti sono sfocati, anche spostando il cursore fino alla messa a fuoco all’infinito. Perché?

La messa a fuoco del Mavic va da 0,5m all’infinito. Scorrere lungo la barra fino a raggiungere un punto di messa a fuoco. Scorrere direttamente alla messa a fuoco all’infinito non garantisce che il soggetto sia a fuoco.

Quando si utilizza DJI GO per aggiornare il firmware, posso lasciare che l’aggiornamento sia eseguito in background mentre uso altre applicazioni?

No. DJI GO entrerà in stato di errore di aggiornamento. Si dovrà riconnettersi a Internet per aggiornare nuovamente.

Quanti batterie posso portare nella borsa a tracolla del Mavic?

Quattro. Una montata sul Mavic, una nella parte inferiore della borsa, e una in ciascuna delle due tasche laterali.

Se l’aggiornamento non riesce ancora, provare le seguenti operazioni:

1. Controllare che il livello della batteria è di almeno il 50% o superiore prima di aggiornare.
2. Verificare che non si sia spento il dispositivo durante l’aggiornamento. In tal caso, attivare di nuovo l’alimentazione per continuare.
3. Disconnettersi da internet durante un download del firmware comporterà il fallimento dell’aggiornamento. Tuttavia, è possibile scollegare il velivolo dal computer dopo aver scaricato il firmware per avviare un aggiornamento. Quando l’aggiornamento è terminato, ricollegare il velivolo al computer tramite USB. DJI GO mostrerà che l’aggiornamento è completo al 100%.
4. se l’errore di aggiornamento persiste o il radiocomando non si collega con il drone, ci possono essere incongruenze firmware tra i dispositivi. In questo caso, utilizzare DJI Assistant 2 sul vostro computer per aggiornare alle ultime versioni separatamente. E’ normale che il radiocomando sia riavvia un paio di volte durante l’aggiornamento. Quando collegato al velivolo, si disconnette e riconnette due volte.

Phantom 4 Advanced

Come è stato migliorato il sistema di propulsione del Phantom 4 Advanced?

La velocità massima di volo del Phantom 4 Advanced in P-mode è di 14 m/s.

Cosa rende speciale l’obiettivo del Phantom 4 Advanced?

La fotocamera del Phantom 4 Advanced ha un obiettivo grandangolare appositamente progettato per la fotografia aerea, con una apertura del diaframma da F2.8 a F11 e una lunghezza focale equivalente a un 24mm. E ‘inoltre dotato di un otturatore meccanico e supporto per auto focus.

La fotocamera del Phantom 4 Advanced supporta la messa a fuoco?

Sì. Toccare un punto sul display per mettere a fuoco in quel punto dopo il passaggio dalla modalità metering alla modalità focus. La messa a fuoco automatica può anche essere attivata premendo a metà il pulsante di scatto, prima di premere completamente il pulsante di scatto per scattare la foto. La messa a fuoco può essere impostata tra 1 m e l’infinito.

Quali accessori possono essere utilizzati sia con il Phantom 4 che con il Phantom 4 Advanced?

Eliche, batterie del drone, caricabatterie, cavi di alimentazione e cavi micro USB possono essere utilizzati sia con il Phantom 4 che con il DJI Phantom 4 Advanced.

Quali cambiamenti sono stati fatti al radiocomando del Phantom 4 Advanced?

Rispetto al Phantom 4 Pro, il radiocomando del Phantom 4 Advanced non supporta la banda di frequenza a 5,8 GHz. Il radiocomando del Phantom 4 Advanced+ ha uno schermo incorporato.

Quali droni della serie Phantom 4 sono compatibili con il radiocomando del Phantom 4 Advanced?

Attualmente, il radiocomando del Phantom 4 Advanced non è compatibile con altri droni della serie Phantom 4.

Quali modifiche sono state apportate al sistema di rilevamento ostacoli del Phantom 4 Advanced?

La portata del rilevamento degli ostacoli del sensore di visione anteriore del DJI Phantom 4 Advanced è stato aumentato a 30 m.

Quali sono i modi per condurre una calibrazione del sistema di visione?

Si può fare una calibrazione sistema di visione rapida tramite la DJI GO 4 app, o fare una calibrazione avanzata tramite DJI Assistent 2 nel vostro computer. Per istruzioni dettagliate, si rimanda al tutorial.

Quali sono i vantaggi dell’otturatore meccanico del Phantom 4 Advanced?

L’otturatore meccanico elimina la distorsione rolling shutter, che può verificarsi durante la cattura di immagini di soggetti in rapido movimento con un otturatore elettrico.

Quali sono le nuove modalità di volo intelligente disponibili nel Phantom 4 Advanced?

Le nuove modalità di volo intelligente di volo del DJI Phantom 4 Advanced includono Draw, Gesture, TapFly aggiornato, Treppiede, Terrain Follow e ActiveTrack aggiornato.

Quali sono le principali differenze tra il Phantom 4 Pro e il Phantom 4 Advanced?

Il DJI Phantom 4 Advanced eredita la maggior parte delle funzioni del Phantom 4 Pro. Tuttavia, al fine di aumentare l’accessibilità del prezzo, a differenza del Phantom 4 Pro, il Phantom 4 Advanced non ha i sensori di visione posteriore e i due sensori a infrarossi nel suo sistema FlightAutonomy. Inoltre, il suo radiocomando non supporta la banda di frequenza di 5,8 GHz e Tapfly Backward è stato rimosso.

Quali sono le principali differenze tra la Phantom 4 e Phantom 4 Advanced?

La fotocamera potenziata del DJI Phantom 4 Advanced registra video 4K/60 fps ad un bitrate di 100 Mbps e scatta foto fino a 20 megapixel. Può essere utilizzato con un monitor integrato opzionale per la trasmissione ancora più affidabile. Gli operatori dispongono della nuova suite Intelligent Flight Modes. La velocità massima di volo del DJI Phantom 4 Advanced è leggermente superiore a quella del Phantom 4 quando si vola in P-mode. Il tempo di volo massimo è esteso a 30 minuti, la portata della trasmissione è estesa a 7 km, e il campo di rilevamento ostacoli viene aumentata da 15 m a 30 m.

Rispetto alla fotocamera del Phantom 4, quali sono i vantaggi della fotocamera del Phantom 4 Advanced?

La fotocamera del DJI Phantom 4 Advanced è in grado di registrare video UHD 4K (4096×2160) a 60 fps, ad un bitrate massimo di 100 Mbps utilizzando il codec H.265. Consente inoltre di catturare immagini fisse durante le riprese. Il sensore della fotocamera del DJI Phantom 4 Advanced è anche maggiore del sensore della fotocamera del Phantom 4, assicurando immagini nitide.

Phantom 4 Pro

C’è qualche differenza tra i sistemi di rilevamento ostacoli anteriore e posteriore?

No

Che cosa c’è di nuovo nel radiocomando del Phantom 4 Pro?

Il Phantom 4 Pro è compatibile con due tipi di radiocomando, standard e opzionale. Entrambi possono passare tra bande di 2,4 GHz e 5,8 GHz di frequenza con una portata massima di 4.3mi (7km) (aperta, priva di interferenze, FCC compatibile). Entrambi possono focalizzare premendo a metà il pulsante di scatto. Il Phantom 4 Pro+ dispone di un display da 5,5 pollici 1080p, con 1000 cd/m2 di luminosità e app DJI GO 4 integrata. Il suo radiocomando è dotato anche di porta HDMI, slot per Micro SD, microfono, altoparlante e connettività Wi-Fi.

Che cosa succede se il firmware della batteria non è coerente con l’aggiornamento del drone?

Usare DJI GO 4 per aggiornare il firmware della batteria alla versione appropriata.

Come è stata migliorata la Smart Return Home nel Phantom 4 Pro?

La nuova Smart Return Home forma una mappa del suo ambiente in tempo reale. Il drone sceglierà il migliore percorso di volo per tornare a casa e percepisce gli ostacoli fino a 300m per evitarli efficacemente. Se il segnale del radiocomando viene perso, il Phantom 4 Pro ripercorre il suo percorso originale per riottenere la sua connessione per 1 minuto. Quando si collega, tornerà a casa con un percorso rettilineo. Se non riesce a ritrovare il collegamento, comunque tornerà con una procedura RTH rettilinea.

Come è stato ottimizzato il sistema di propulsione del Phantom 4 Pro?

Ha la stessa velocità massima in modalità sport del Phantom 4 e può evitare gli ostacoli ad una velocità massima di 31 mph (50kph).

Come funziona il sistema di sensori a infrarossi?

Disponibile solo in modalità Principiante e Modalità Treppiede, il sistema di rilevamento a raggi infrarossi ha un campo di rilevamento con un angolo di 70° in orizzontale e un angolo verticale di 20°. La luce infrarossa irradiata viene riflessa dagli ostacoli, consentendo ai sensori di “vedere” ad una distanza fino a 23ft (7m) calcolando la differenza nei tempi di proiezione e di riflessione e di utilizzare queste informazioni per creare un modello 3D per l’ambiente e gli ostacoli in esso contenuti.

Come utilizzare il Narrow Sensing?

Impostare i tasti sotto al radiocomando, C1 o C2, per l’attivazione del Narrow Sensing. Quando si vola in un ambiente complesso, attivare il Narrow Sensing e il drone regolarà la portata dei sensori di rilevamento e la velocità di volo per passare attraverso spazi stretti.

Cosa c’è di nuovo nella camera del Phantom 4 Pro?

La fotocamera del Phantom 4 Pro è dotata di un sensore da 20 megapixel di 1 pollice ed ha un’apertura del diaframma regolabile manualmente da F2.8 a F11. Supporta anche la messa a fuoco automatica premendo a metà il pulsante di scatto, e ha una portata della messa a fuoco, da 1m all’infinito. Rimettere a fuoco sempre prima di scattare foto aggiuntive nel caso in cui il soggetto abbia superato il punto di fuoco. Mettere a fuoco all’infinito se il soggetto è a distanza superiore a 98ft (30m). è necessaria anche la rifocalizzazione quando si passa da inquadrature ravvicinate a campi lunghi durante la registrazione.

Durante l’aggiornamento, se il livello di carica della batteria del drone o del radiocomando scende al di sotto del 50%, il processo di aggiornamento fallirà?

Sì. Usare sempre una batteria con la carica residua oltre il 50% durante l’aggiornamento.

I radiocomandi del Phantom 4 e del Phantom 4 Pro sono compatibili tra loro?

Attualmente no

Il Phantom 4 Pro supporta la messa a fuoco?

Toccare un punto sul display per mettere a fuoco in quel punto dopo il passaggio dalla modalità Metering alla modalità Focus. La messa a fuoco automatica può essere attivata anche premendo il pulsante di scatto a metà, prima di premere completamente il pulsante di scatto per catturare un’immagine. La messa a fuoco può essere impostata tra 1 metro e l’infinito.

Il radiocomando del Phantom 4 Pro+ dispone di un altoparlante e di un microfono integrati?

Il radiocomando del Phantom 4 Pro+ supporta la connettività WiFi e Bluetooth?

Supporta il Wi-Fi, ma non il Bluetooth.

La luminosità del display dello schermo del radiocomando si può regolare automaticamente o manualmente?

Entrambe le modalità

Le batterie e caricabatterie del Phantom 4 Pro sono compatibili con il Phantom 4?

Posso collegare un dispositivo iOS o Android al radiocomando del Phantom 4 Pro + per usare DJI GO 4?

No

Posso scaricare altre applicazioni sullo schermo del radiocomando del Phantom 4 Pro+?

No. Al momento il radiocomando del Phantom 4 Pro+ non supporta il download di altre applicazioni di terze parti.

Posso scollegare il display integrato dal radiocomando del Phantom 4 Pro+?

No

Può il Phantom 4 Pro utilizzare le eliche del Phantom 4?

Qual è il vantaggio di avere un otturatore meccanico?

Un otturatore elettronico potrebbe causare dei difetti e distorsioni, come l’effetto jello (gelatina), quando si riprendono soggetti in rapido movimento. Un otturatore meccanico impedisce questo e garantisce un’immagine di alta qualità.

Qual è il vantaggio utilizzando il nuovo formato video H.265?

H.265 mantiene il 50% in più informazioni rispetto a H.264, creando immagini più dettagliate e vivide.

Qual è la capacità della batteria del Phantom 4 Pro? Di quanto è stato esteso il tempo di volo rispetto al Phantom 4?

La capacità della batteria è di 5870mAh. Vola per due minuti supplementari rispetto al Phantom 4.

Qual è la differenza tra i sistemi Lightbridge del Phantom 4 e Phantom 4 Pro?

Il Phantom 4 Pro utilizza un nuovo sistema Lightbridge a doppio segnale di trasmissione video. Ha una distanza di trasmissione fino a 4.3mi (7km) (aperta, priva di interferenze, FCC conforme). Gli utenti possono anche passare tra le frequenze 2,4 GHz e 5,8 GHz di controllo per eliminare le interferenze.

Qual è la risoluzione del display del radiocomando del Phantom 4 Pro+?

1920×1080

Qual è la risoluzione e il formato delle foto catturate durante la registrazione video?

Le foto verranno catturate in formato JPEG nella stessa risoluzione della registrazione video.

Quale sistema operativo utilizza lo schermo del radiocomando del Phantom 4 Pro+?

Utilizza un sistema di DJI personalizzato.

Quali applicazioni sono precaricate sullo schermo del radiocomando del Phantom 4 Pro+?

Applicazioni di social media popolari e DJI GO 4.

Quali miglioramenti sono stati fatti nel sistema di rilevamento degli ostacoli del Phantom 4 Pro?

La portata di rilevamento degli ostacoli frontali del Phantom 4 Pro è stata estesa a 98ft (30m), condividendo con il sistema di rilevamento posteriore la stessa capacità. Inoltre, il Phantom 4 Pro è dotato di sensori infrarossi su entrambi i lati del velivolo, rilevando con precisione la distanza tra il drone e gli ostacoli fino ad un raggio di 23ft (7m).

Quali schede micro SD sono supportate?

Attualmente sono supportate le seguenti Micro SD cards:
Sandisk Extreme 32GB UHS-3 V30 MicroSDHC;
Sandisk Extreme 64GB UHS-3 V30 MicroSDXC;
Panasonic 32GB UHS-3 MicroSDHC;
Panasonic 64GB UHS-3 MicroSDXC;
Samsung PRO 32GB UHS-1 MicroSDHC;
Samsung PRO 64GB UHS-3 MicroSDXC;
Samsung PRO 128GB UHS-3 MicroSDXC.

Quali sono i vantaggi del Phantom 4 Pro per le riprese video?

Il Phantom 4 Pro è in grado di registrare video UHD 4K (4096×2160) a 60fps, ad un bitrate massimo di 100 Mbps utilizzando il codec H.264 e supporta anche il codec H.265. Consente inoltre di catturare immagini durante le riprese. Il sensore della fotocamera del Phantom 4 Pro è anche più grande rispetto al passato, garantendo immagini più nitide.

Quali sono le nuove modalità di volo intelligenti nel Phantom 4 Pro?

AR Route, TapFly Backward, TapFly Free in Tap Fly mode, Circle, Profile, e Spotlight in ActiveTrack, inoltre Draw e Gesture Mode. Supporta anche Narrow Sensing e utilizza nuovi algoritmi RTH.

Quali sono le principali caratteristiche dell’obiettivo del Phantom 4 Pro?

Il Phantom 4 Pro utilizza un nuovo obiettivo della fotocamera ottimizzato per le riprese aeree, con un range di apertura del diaframma da F2.8 a F11 e una lunghezza focale equivalente a un obiettivo da 24 millimetri. E’ dotato di un otturatore meccanico e apertura diaframma regolabile, con il supporto della messa a fuoco automatica.

Quali sono le principali differenze tra Phantom 4 e Phantom 4 Pro?

Il Phantom 4 Pro ridefinisce la famosa serie Phantom, portando l’imaging e l’intelligenza a nuove altezze. La sua fotocamera potenziata riprende video a 4K/60fps ad un bitrate di 100 Mbps e immagini fisse fino a 20 megapixel, portando alla creazione di immagini drammaticamente migliori. Il sistema FlightAutonomy aggiunge doppi sensori di visione posteriore e due Time of Flight termocamere per un totale di rilevamento in 5 direzioni degli ostacoli con un raggio fino a 30m in tutte le direzioni. Il sistema di trasmissione video HD Lightbridge aggiornato offre una portata estesa di trasmissione massima di 4.3mi (7 km) e vi permette anche di passare da 2,4 GHz a 5,8 GHz. Può essere utilizzato anche con un monitor integrato opzionale per la trasmissione ancora più affidabile. Gli operatori sono inoltre ulteriormente forniti di una nuova suite di funzioni ActiveTrack e TapFly. La batteria intelligente ha anche una maggiore capacità da 5870mAh per consentire un tempo prolungato di volo di 30 minuti.

Quando entra in funzione il sistema a infrarossi durante il volo?

Solo in Beginner mode e Tripod mode

Ronin 2

01. Quali sono le principali differenze tra il Ronin e il Ronin 2?

Il Ronin 2, come il Ronin, è stato ideato come sostegno per le camere a mano, ma oggi è ancora più versatile in contesti che ne prevedono l’uso aereo, su macchina, su Cablecam e Steadycam. I motori, più prestanti rispetto al predecessore, garantiscono un carico maggiore, mentre i nuovi algoritmi GPS implementati permettono una maggiore fluidità dei movimenti; anche a fronte di sollecitazioni particolarmente stressanti. Insieme a molte altre novità tecnologiche, il Ronin 2 porta la stabilizzazione delle immagini ad un livello più alto.

02. Quale è il carico massimo che può sopportare il Ronin 2?

Il Payload del Ronin 2 è di circa 13,6 kg. Da quanto risulta dai nostri test, il Ronin 2 può supportare tranquillamente una Arri Alexa Mini con obiettivo Canon CINE-SERVO 17-120mm.

03. Quanto pesa il Ronin 2?

Il Ronin 2 pesa 4,20 kg

04. La stabilizzazione del Ronin 2 è migliore di quella di Ronin, Ronin-M e Ronin-MX?

Assolutamente sì; il Ronin 2 ha motori dedicati alla stabilizzazione che sono più potenti di quelli dei suoi predecessori. L’algoritmo SmoothTrack è stato migliorato per garantire una fluidità maggiore. Il nuovo modulo GPS, invece, assicura prestazioni eccezionali anche in condizioni di forte accelerazione.

05. Col Ronin 2 sono ancora possibili le precedenti modalità operative?

Sì, sono possibili le tre modalità presenti nei modelli precedenti (upright, underslung e briefcase). La novità è che adesso il passaggio tra upright e underslung mode può avvenire senza modificare la posizione della camera. Vi è inoltre la possibilità di bloccare il motore dello yaw e avere una stabilizzazione su due assi soltanto se usiamo il Ronin 2 con una Steadycam. Inoltre si potrà bloccare ogni asse per una configurazione più facile, un bilanciamento migliore e un trasporto più sicuro.

06. In cosa differisce il nuovo dispositivo di sgancio rapido dello yaw rispetto ai precedenti Ronin?

Il nuovo dispositivo di sgancio rapido montato sul Ronin 2 garantisce la possibilità di configurare il Ronin più velocemente; garantendo la possibilità di districarsi tra differenti scenari in modo più agile ed efficiente.

07. Il Ronin 2 è fornito con un sostegno?

No, tuttavia l’impugnatura e il grip circolare presentano dei piedini retraibili che permettono il sostegno dell’intera gimbal su una superficie pianeggiante. Il grip è removibile nel caso non sia necessario per le riprese o durante il trasporto.

08. Che batterie supporta il Ronin 2?

Il Ronin 2 supporta le stesse batterie dell’Inspire 2.

09. Le batterie della serie Ronin sono compatibili con il Ronin 2?

No. Il Ronin 2 è compatibile solo con le batterie del Ronin 2 e dell’Inspire e NON è compatibile con le batterie di Ronin, Ronin-M e Ronin-MX.

10. Quale è l’autonomia di una batteria del Ronin 2?

Le batterie del Ronin 2 possono garantire circa 2,5 ore di autonomia alimentando un Ronin 2 e una camera RED Dragon simultaneamente.

11. In quanto tempo si carica una batteria del Ronin 2?

Se si utilizza il charging hub dell’Inspire 2 ci vorranno circa 90 minuti per caricare entrambe le batterie.

12. Cosa è una batteria “hot-swappable”?

Una batteria “hot-swappable” elimina del tutto i tempi morti durante le riprese, dovuti al tempo di ricarica. Ad esempio, avrete la possibilità di cambiare una delle due batterie senza dover spegnere la camera, la gimbal o eventuali accessori. Questo vi permetterà un tempo di ripresa potenzialmente infinito, senza interruzioni.

13. Posso usare le batterie del Ronin 2 con prodotti di terze parti, come monitor?

Si. Le batterie sono progettate con una porta P-TAP che vi permetterà di alimentare gli accessori tramite cavi di alimentazione industriale standard.

14. Quali sono le camere compatibili con Ronin 2?

I Ronin 2 è compatibile con un grande numero di camere. La più grande che abbiamo testato con successo è stata la Arri Alexa Mini con un obiettivo CINE-SERVO 17-120 mm.

15. Si può avere il pieno controllo delle camere montate sul Ronin 2?

Con alcuni tipi di camera è possibile controllare alcune impostazioni come ISO, frame rate, risoluzione o agire sullo start/stop; il tutto tramite il nuovo modulo di controllo della camera.

16. Quale è l’obbiettivo più grande supportato dal Ronin 2?

L’obbiettivo più grande testato sul Ronin 2 (con Alexa Mini) pesa circa 3 kg. Ma le dimensioni massime dell’obbiettivo variano in base al corpo macchina installato

17. Il Ronin 2 viene fornito con un radiocomando?

Si; il nuovo radiocomando è più piccolo e maneggevole rispetto al passato e monta un più pratico e funzionale joystick. Il radiocomando supporta frequenze a 2.4 Ghz e 5.8 Ghz.

18. Quali sono le differenze maggiori tra il controller del Ronin 2 e il precedente controller?

Adesso sarà possibile cambiare le velocità dei joystick direttamente dal radiocomando agendo su delle manopole; senza cambiare nessun settaggio nella gimbal assistant app.

19. Quanto è ampio il range di controllo del Ronin 2?

Il Ronin 2, in ambiente privo di ostacoli o interferenze particolari, può essere controllato da una distanza di 1 km.

20. In cosa consiste la nuova Gimbal Assistant App?

Tramite la nuova Assistant App si può agire su tutti i parametri fondamentali della gimbal; sarà possibile controllare lo SmoothTrack, la rigidità dei motori e le modalità operative della gimbal.

Sono incluse altre funzioni intelligenti orientate alla produzione video, come Panorama, Timelapse e controllo manuale per le camere che lo supportano.

21. Quale è la funzione del monitor incorporato?

Con lo schermo touch-screen integrato del Ronin 2 potrete modificare i settaggi della gimbal senza dover utilizzare un dispositivo mobile. Tramite il monitor touch-screen, sarete in grado di modificare la maggior parte dei parametri presenti nella Gimbal Assistant App.

22. Si possono utilizzare radiocomandi di terze parti con il Ronin 2.

Si, si può.

23. Gli accessori della serie Ronin sono tutti compatibili con Ronin 2?

No.

Spark

01. Quali sono le principali differenze tra Spark e il Mavic Pro?

Oltre ad essere più leggero e più piccolo del Mavic Pro, Spark è stato progettato con in mente i nuovi utenti di droni. I controlli gestuali avanzati consentono agli utenti di lanciare, dirigere e fare atterrare Spark con solo le proprie mani. Per un controllo più intuitivo sullo schermo, la modalità TapFly di Spark include ora Coordinate, consentendo di toccare una posizione esatta sullo schermo per far volare lo Spark in quella direzione. Inoltre, QuickShot Mode consente agli utenti di volare lungo quattro percorsi di volo preimpostati durante la registrazione di filmati brevi di qualità cinematografica. Spark dà agli utenti un controllo professionale senza problemi. Al contrario, Mavic Pro dispone di una fotocamera più potente in grado di riprendere video 4K (in contrasto con il video 1080p di Spark), tempi di volo più lunghi e un sistema di trasmissione OcuSync adatto per la fotografia aerea a lunga distanza. Fai clic sul seguente collegamento per saperne di più: http://www.dji.com/cn/products/compare-consumer-drones

02. Come controllo lo Spark?

Controlla Spark con il tuo dispositivo mobile scaricando l’applicazione DJI GO 4 o utilizzando il radiocomando.

03. Come attivo lo Spark?

Ci sono due modi per attivare Spark:

– Collegare Spark con il tuo dispositivo mobile e seguire le istruzioni in DJI GO 4 per completare l’attivazione.

– Toccare l’icona in alto a destra nella pagina principale di DJI GO 4, scegliere Scansione QR Code e utilizzare la fotocamera del dispositivo mobile per eseguire la scansione del codice QR nel vano batteria del drone. Seguire le istruzioni nell’applicazione per completare l’attivazione.

04. Quali sono le schede Micro SD raccomandate per Spark?

Sandisk 16 GB UHS-1 Micro SDHC
Sandisk 32 GB UHS-1 Micro SDHC
Sandisk 64 GB UHS-1 Micro SDXC
Kingston 16 GB UHS-1 Micro SDHC
Kingston 32 GB UHS-1 Micro SDHC
Kingston 64 GB UHS-1 Micro SDXC
Samsung 16 GB UHS-I Micro SDHC
Samsung 32 GB UHS-I Micro SDHC
Samsung 64 GB UHS-I Micro SDXC

05. Lo Spark è impermeabile?

No. Si raccomanda di evitare il volo di Spark nella pioggia, nebbia, neve o tempo bagnato. Evitare di atterrare o scendere in pozzanghere, poiché il telaio è vicino al suolo.

06. Di quali nuove funzioni dispone la fotocamera di Spark?

Spark supporta le modalità ShallowFocus e Pano, che comprendono modalità orizzontali e verticali.

07. Cos’è ShallowFocus?

ShallowFocus crea foto con una profondità di campo bassa attraverso la sua tecnologia di visione 3D.

08. Quali sono le modalità Pano disponibili?

Modalità verticale: la fotocamera catturerà tre foto verticalmente, quindi le combina per creare un panorama verticale.
Modalità orizzontale: la fotocamera catturerà nove foto da diverse angolazioni verticali e orizzontali, quindi le combina per creare un panorama orizzontale.

09. Posso catturare foto o registrare video senza una scheda Micro SD?

Si, puoi. Il drone memorizzerà foto e video sul tuo dispositivo mobile. In questo caso, le immagini catturate provengono in realtà dal flusso video in diretta con una risoluzione fotografica di 1024 × 768 e risoluzione video di 1280 × 720.

10. Quali sono la distanza e la velocità massima in cui Spark può rilevare ostacoli?

Spark evita automaticamente gli ostacoli fino a 5 m di profondità. La velocità massima in cui Spark è in grado di rilevare gli ostacoli è di 3 m/s.

11. Quali nuove modalità di volo intelligente comprende lo Spark?

Spark è il primo drone DJI che presenta nuove sottomodalità TapFly, Coordinate e Direzione.
In modalità QuickShot, Spark mette a disposizione riprese professionali con Rocket, Dronie, Circle e Helix.
La modalità gestuale di Spark include anche un nuovo set di funzionalità di riconoscimento avanzate dei gesti, tra cui PalmControl, Follow, Beckon e PalmLand.

12. Quali sono le dimensioni dei dispositivi mobili adatte al radiocomando di Spark?

Il radiocomando di Spark si adatta a dispositivi mobili di 6.5-8.5 mm di spessore e fino a 160 millimetri di lunghezza, senza la custodia del telefono. I dispositivi mobili più grandi di queste dimensioni non si adattano al supporto del dispositivo mobile del radiocomando.

13. Come si aggiorna il firmware del radiocomando?

Il firmware del radiocomando può essere aggiornato in DJI GO 4.

14. Quanto tempo è necessario per caricare completamente il radiocomando? Quanto dura la carica della batteria?

Ci vogliono 2 ore per ricaricare completamente il radiocomando per un massimo di 2,5 ore di funzionamento.

15. Come posso associare Spark al radiocomando?

Premere contemporaneamente i pulsanti Pausa, Fn e C1. Una volta che il radiocomando inizia a suonare, rilasciare questi pulsanti. Con Spark acceso, tenere premuto il pulsante di alimentazione della batteria. Quando si sente bip dallo Spark, rilasciare questo pulsante. L’associazione è ora completa.

16. Quali sono le frequenze Wi-Fi supportate dal radiocomando?

Il radiocomando supporta frequenze Wi-Fi a banda larga da 2,4 GHz e 5,8 GHz.
La trasmissione a 5,8 GHz non è disponibile in alcune regioni a causa delle normative locali.

17. Quali sono le dimensioni del radiocomando?

Il radiocomando è lungo circa 15 cm, alto 8 cm e spesso 6 cm.

18. Devo rimuovere le eliche durante lo stoccaggio o il trasporto di Spark?

No. Basta piegare le eliche.

19. Cosa succede se le eliche non sono completamente dispiegate prima del volo?

Una volta che i rotori iniziano a ruotare, la forza centrifuga dispiegherà automaticamente le eliche nella posizione corretta.

20. I motori dello Spark non sono tutti nello stesso piano. Ciò influirà sulle prestazioni del volo?

No. Ogni motore risiede ad un angolo di 5° per ottenere prestazioni ottimali.

21. A quali velocità del vento può resistere lo Spark?

Spark può sopportare velocità del vento tra 20-28 km/h.

22. Qual è la risoluzione della trasmissione video di Spark?

720p 30 fps.

23. Qual è la latenza della trasmissione video di Spark?

La latenza di trasmissione video al tuo dispositivo mobile è di circa 200 ms. Esso è soggetto alle prestazioni del dispositivo mobile e alle interferenze del segnale.

24. Qual è la portata effettiva di trasmissione di Spark?

Quando è collegato a un radiocomando:

2,4 GHz
FCC: 1,2 mi (2 km); CE: 0,3 mi (500 m); SRRC: 0,3 mi (500 m) (senza ostacoli e senza interferenze)

5.8 GHz
FCC: 1,2 mi (2 km); CE: 0,18 mi (300 m); SRRC: 0,7 mi (1,2 km) (senza ostacoli e senza interferenze)

Quando è collegato direttamente a un dispositivo mobile:

Altezza massima di 50 m e distanza di 100 m.

La trasmissione a 5,8 GHz non è disponibile in alcune regioni a causa delle normative locali.

25. Le bande di frequenza possono essere regolate manualmente durante la trasmissione video?

Sì. Gli utenti possono scegliere manualmente tra 2,4 GHz e 5,8 GHz o consentire a DJI GO 4 di scegliere automaticamente una banda di frequenza.

26. Dove posso controllare il nome utente e la password Wi-Fi del drone?

Ci sono tre luoghi in cui è possibile controllare queste informazioni:

– Il vano batterie del drone (solo qui puoi trovare il nome utente e la password Wi-Fi predefiniti);

– l’opzione Impostazioni in DJI Assistant 2 o DJI GO 4;

– All’esterno della confezione in polisterolo (solo il nome utente e la password Wi-Fi predefiniti sono disponibili qui).

27. Come posso reimpostare o modificare il nome utente e la password Wifi di Spark?

Per resettare, tenere premuto il tasto della batteria in posizione per 9 secondi fino a che non si sente tre volte il segnale acustico.
Per modificare, collegare il dispositivo mobile a Spark, avviare l’applicazione DJI GO 4 e modificare il nome utente e la password Wi-Fi nel menu Guida alla connessione.
(Nota: se Spark è collegato con DJI Assistant 2 su un computer, riavviare il drone prima di reimpostare il nome utente e la password Wi-Fi.)

28. Il mio dispositivo mobile non rileva il Wi-Fi di Spark quando lo accendo. Cosa dovrei fare?

Ciò può essere dovuto al fatto che Spark era precedentemente collegato al radiocomando. Per permettere l’individuazione, accendere il drone, quindi premere il pulsante di alimentazione per sei secondi finché non si sente due volte l’avviso acustico del drone. Ciò indica che il WiFi di Spark è ora rilevabile sul tuo dispositivo mobile.

29. Come faccio a caricare Spark?

Utilizzare il cavo USB incluso per caricare Spark. Durante la carica, non rimuovere la batteria dal drone.
Utilizzare il Charging Hub per caricare tre batterie contemporaneamente. Se si utilizza l’hub di ricarica, è necessario rimuovere le batterie dal drone e collocarle nel hub di ricarica.

30. La mia batteria appena acquistata non risponde quando premo il pulsante di alimentazione. Cosa dovrei fare?

Le nuove batterie vengono spedite in modalità Ibernazione. Per attivare la batteria appena acquistata, effettuare una carica completa.

31. Quanto tempo ci vuole per caricare completamente una batteria?

Quando si utilizza un caricatore USB standard, occorrono 80 minuti per caricare completamente una batteria.
Quando si utilizza un hub di ricarica, occorrono 52 minuti per caricare completamente una batteria, 55 minuti quando si caricano due batterie e 85.2 minuti quando si caricano tre batterie contemporaneamente.

32. Quanto spesso devo caricare completamente le batterie di Spark?

Si raccomanda di ricaricare completamente le batterie Spark almeno una volta ogni tre mesi.

33. Quando una batteria entra in modalità ibernazione?

Quando una batteria è caricata al di sotto del 10%, entrerà in modalità ibernazione dopo circa sei ore di non utilizzo.
Quando una batteria è completamente scarica, entrerà in modalità sospensione entro 10 minuti dopo spenta.

34. Quali funzioni può eseguire il pulsante di alimentazione?

– Accensione e spegnimento della batteria: premere una volta il pulsante di alimentazione e quindi premere di nuovo e tenere premuto per almeno due secondi per accendere o spegnere la batteria.

– Controllo del livello carica della batteria: premere una volta il pulsante di alimentazione per controllare il livello della carica della batteria.

– Associazione Spark e radiocomando: Tenere premuto il pulsante di accensione di Spark per tre secondi e rilasciarlo all’audizione di un beep. Gli indicatori anteriori di Spark cominceranno a lampeggiare in rosso, indicando che Spark e il radiocomando sono stati associati.

– Disassociazione Spark e radiocomando: Per utilizzare il dispositivo mobile per controllare Spark, devi disassociare il drone e il radiocomando. Accendere Spark e tenere premuto il pulsante di accensione di Spark per sei secondi finché non si sente bip due volte. Ora Spark e il radiocomando sono stati disassociati con successo e puoi cercare il Wi-Fi di Spark sul tuo dispositivo mobile.

– Ripristino del nome utente e della password Wi-Fi di Spark: Tenere premuto il pulsante di alimentazione per nove secondi e rilasciarlo dopo aver sentito il segnale acustico tre volte. Le impostazioni Wi-Fi vengono ripristinate alle impostazioni predefinite di fabbrica.

– PalmLaunch: accendere Spark e collocarlo sul palmo della mano con la fotocamera rivolta verso di voi. Assicuratevi che le dita siano inferiori alle braccia di Spark. Premere due volte il pulsante di accensione quando gli indicatori di volo iniziano a lampeggiare verde. Gli indicatori cambiano in un giallo lampeggiante lentamente e FaceAware comincerà a riconoscere il vostro volto. Gli indicatori anteriori si trasformano in verde se il rilevamento è riuscito e PalmLaunch verrà attivato. In caso contrario, gli indicatori lampeggiano in rosso.

35. Cosa posso fare con le due porte USB sull’hub di ricarica?

È possibile caricare due dispositivi mobili o il tuo Spark.

36. Posso utilizzare altre applicazioni mentre DJI GO 4 sta facendo l’aggiornamento?

No. Se lo fate, l’aggiornamento non riesce. Dovrete poi scaricare il firmware e aggiornarlo nuovamente.

37. Perché DJI GO 4 mi ricorda di riconnettersi al Wifi di Spark proprio prima che inizia a completare l’aggiornamento?

Prima che l’aggiornamento sia completato, Spark dovrà riavviarsi. Una volta che lo fa, ricollegare il dispositivo mobile al Wi-Fi di Spark. DJI GO 4 ti ricorda che dovrai farlo per riuscire l’aggiornamento.

38. Posso disconnettermi da Internet dopo che il firmware è stato scaricato con successo?

Sì.

39. Se il drone o i livelli di batteria del radiocomando scendono al di sotto del 50% durante un aggiornamento, l’aggiornamento fallisce?

No, ma è consigliabile che entrambi abbiano un elevato livello di carica della batteria durante l’aggiornamento.

40. Cosa devo fare se le versioni del firmware per il drone e la batteria non sono coerenti?

Connettere Spark a DJI GO 4 e l’applicazione ti informerà degli aggiornamenti appropriati per garantire la coerenza.

41. Cosa devo fare se l’aggiornamento è davvero lento?

Attendere con pazienza e non utilizzare Spark o il radiocomando durante l’aggiornamento. Di solito, ci vogliono due minuti per aggiornare il radiocomando e cinque minuti per aggiornare Spark. Se il processo di aggiornamento richiede molto più tempo, controlla la tua connessione a Internet o vai in un ambiente diverso. È inoltre possibile riavviare Spark e il radiocomando per avviare nuovamente l’aggiornamento.

42. Quali fattori potrebbero portare ad un errore di aggiornamento?

– Livello basso della batteria. Assicurarsi che il livello della batteria sia superiore al 50%.

– Spegnere Spark o il radiocomando durante l’aggiornamento. Se ciò accade, riavviare Spark/radiocomando e avviare nuovamente l’aggiornamento.

– Disconnessione Internet durante il download del firmware.

– incongruenza della versione del firmware del velivolo e del radiocomando. Utilizza DJI GO 4 per aggiornare il drone e il radiocomando alla versione più recente.
Si consiglia di utilizzare DJI Assistant 2 sul computer per aggiornare il proprio drone.
Si prega di notare che Spark si riavvia una volta terminato l’aggiornamento.

Suggerimenti e trucchi

Cinque regole per evitare un flyaway

Assicurarsi che sia stato impostato un Punto Base

Se volete che il vostro drone torni automaticamente a casa, assicurarsi che un Punto Base sia stato impostato prima di decollare! Avrete bisogno di almeno 4 barre del segnale GPS. Una volta che un Punto Base è impostato, si vedrà un messaggio nella app, e apparirà una icona verde con una H sulla mappa.

Verificare le interferenze della bussola

Il segnale GPS è necessario ma non è sufficiente per assicurare che il vostro drone torni a casa in sicurezza. Anche la bussola del drone ha deve essere relativamente libera da interferenze. Il segnale GPS serve a determinare solo la posizione del drone mentre la bussola serve a determinare il suo orientamento. Se si avvia la procedura RTH, il drone girerà e volerà verso il Punto Base, ma se non sa in quale direzione voltarsi, può finire per volare da qualche altra parte.

L’applicazione DJI GO vi avvertirà se l’interferenza della bussola è troppo grande. E’ anche possibile vedere la quantità di interferenza nella propria area dalle MC Settings -> General -> Compass. Il Mavic Pro e altri nuovi droni DJI hanno le bussole ridondanti, ma se uno o entrambe sono in rosso, è una buona idea eseguire la calibrazione nuovamente, o spostarsi in una zona in cui siano presenti meno interferenze.

Non perdete di vista il vostro drone

Il vostro drone avrà molte meno probabilità di crash o di perdersi se lo si può vedere con i propri occhi. Ci sono buone ragioni per cui il volo a vista è incluso nel regolamento ENAC per il pilotaggio dei UAV. Il monitoraggio del drone esclusivamente attraverso lo streaming video non è mai una buona idea. Se si vola esclusivamente affidandosi al video, non sarete in grado di vedere cosa c’è dietro o ai lati del vostro drone. Inoltre, in assenza di un buon segnale GPS, la procedura RTH non funzionerà e dopo un certo tempo che il drone rimarrà in volo in posizione, atterrerà sul posto se i satelliti GPS continueranno a non essere disponibili. Quindi cercate di volare sempre a vista e sarete più sicuri!

Impostare il Punto Base se siete in movimento

Fintanto che si dispone di un segnale GPS sufficiente, il vostro Punto Base verrà impostato automaticamente quando si decolla. Tuttavia, se la vostra posizione non è fissa ma vi trovate su una automobile o una barca che si sposta, è necessario impostare come Punto Base la posizione del radiocomando anziché quella del drone al momento del decollo.

Impostare una Altitudine RTH adeguata

Anche se i droni più recenti di DJI hanno sistemi di sensori visivi che permettono al drone di volare sopra o intorno agli ostacoli durante la procedura RTH, è sempre una buona idea impostare una altitudine RTH adeguata al paesaggio che si sorvola. Infatti, i sensori non funzioneranno in situazioni di scarsa luminosità o in presenza di superfici uniformi o riflettenti come neve o acqua. Inoltre, i sensori del drone potrebbero non rilevare oggetti sottili come i rami degli alberi o le linee elettriche.

Come ritrovare il tuo drone DJI dopo un flyaway

Primo scenario:

Il drone, a seguito del flyaway e crash, non subisce danni tali da interrompere la connessione con il radiocomando. In questo caso nell’applicazione DJI GO abbiamo le sue coordinate e quindi è semplicissimo trovare in Google Maps la relativa posizione.

Secondo scenario:

Il drone successivamente al flyaway, o subito prima, ha perso la connessione con il radiocomando. In questo caso l’unica possibilità di recupero è attraverso l’analisi dei log di volo, che sono disponibili nella app DJI GO.

In questo modo, seguendo il percorso effettuato, è possibile individuare il punto in qui è stata persa la connessione.

Terzo scenario:

Può presentarsi quando si possiede il drone DJI Mavic Pro. Questo drone può essere infatti pilotato anche senza utilizzare l’app DJI GO e quindi non sarà possibile analizzare i file di log, come nel caso del secondo scenario. Vediamo però che anche in questo caso è possibile venire a conoscenza della posizione del proprio drone.

Come prima cosa, bisogna contattare il supporto DJI che provvederà a fornire uno strumento per recuperare i file di log direttamente dal radiocomando del Mavic Pro. Lo strumento, chiamato Dji Download Tool 1.5, è un file exe, per l’esattezza DjiDownloadTool_v1.5.exe, che va eseguito dopo aver connesso il radiocomando al PC tramite il cavo USB.

 

Dalla schermata del tool, la Serial Port viene immessa in automatico, la voce Device può essere selezionata (Remote Control oppure Aircraft) . Nel nostro caso dobbiamo scaricare i file di log dal radiocomando, quindi selezioniamo Remote Control.

Una volta premuto il tasto Download, verrà creata una cartella data nella stessa directory dove si trova il file Dji Download Tool 1.5 e all’interno verranno scaricati i file di log. Questi file hanno estensione .dat , ad indicare che sono file dati.

Un file con estensione dat non è associato ad alcun programma che possa aprirlo, poiché i file dat possono essere aperti esclusivamente da programmi dedicati. In questo caso noi non possiamo leggere il contenuto dei log. La cosa più semplice da fare è quella di inviare i file estratti dal radiocomando al supporto DJI che, dopo averli esaminati, potrà indicare quale era l’ultima posizione del drone prima che abbia smesso di funzionare.

Zenmuse X4s

Come si usa l’otturatore a lamelle?

L’otturatore a lamelle dello Zenmuse X4S si innesta automaticamente quando la velocità dell’otturatore è inferiore o più lenta di 1/2000s. L’otturatore a lamelle elimina le distorsioni dell’otturatore elettronico ed impedisce la sfocatura quando si riprendono oggetti in rapido movimento.

Come si usa la messa a fuoco automatica (AF)?

Dotato di una funzione AF veloce, lo Zenmuse X4S ha una portata di messa a fuoco da 1 m all’infinito. Per ottenere i migliori risultati, si consiglia di mettere a fuoco prima di scattare. Per fare questo, aprire l’applicazione DJI GO e toccare lo schermo per mettere a fuoco (potrebbe essere prima necessario cambiare le modalità di messa a fuoco o di misurazione). Mettendo a fuoco una superficie non uniforme, rende la AF più veloce e più accurata.

Devo rimuovere il paraluce?

No. Il paraluce protegge la lente da polvere e danni.

In cosa differisce lo Zenmuse X4S dallo Zenmuse X3?

Lo Zenmuse X4S è diverso dallo Zenmuse X3 nei seguenti modi:

a. Il sensore di immagine sullo Zenmuse X4S è stato aggiornato a 1 pollice e 20 megapixel, il che significa meno rumore, gamma dinamica più alta e potente espressione di colore. In confronto, lo Zenmuse X3 dispone di un sensore da 1/2,3 pollici e 12 megapixel.

b. L’obiettivo ad alta risoluzione dello Zenmuse X4S è ultra-compatto e dotato di un’apertura regolabile manualmente, una messa a fuoco automatica veloce e di un otturatore a lamelle.

c. Oltre alle foto da 20 megapixel, lo Zenmuse X4S può anche registrare video sovracampionato a 4096×2160/60fps e supporta un bitrate massimo di 100 Mbps così come una codifica H.265 per immagini di qualità superiore.

In cosa differisce lo Zenmuse X5S dallo Zenmuse X4S?

Mentre entrambe le fotocamere catturano foto a  20 megapixel, lo Zenmuse X4S è dotato di un sensore Exmor R CMOS da 1 pollice e un obiettivo principale fisso progettato per adattarsi al sensore e il motore di imaging. Inoltre, lo Zenmuse X4S cattura di video a 4K nei formati H.264 e H.265.

Lo Zenmuse X5S è dotato di un sensore M4/3 e monta un obiettivo intercambiabile per sensore M4/3. In combinazione con il sistema di elaborazione interno delle immagini CineCore 2.0 dell’Inspire 2, lo Zenmuse X5S è in grado di catturare video nei formati H.264 e H.265, così come CinemaDNG e Apple ProRes ed è adatto per una vasta gamma di applicazioni di produzione cinematografica e televisiva professionali.

In cosa il codec H.265 è superiore al codec H.264?

H.265 è il nuovo standard di compressione video successivo allo standard H.264. Il codec H.265 ha il 50% in più di informazioni, migliori prestazioni di compressione e un rapporto di utilizzo della larghezza di banda inferiore. Si prega di essere consapevoli del fatto che sarà necessario un dispositivo aggiornato per riprodure o decodificare i video H.265.

Lo Zenmuse X4S ha una funzione di zoom?

No. Lo Zenmuse X4S non supporta lo zoom ottico.

Lo Zenmuse X4S supporta i formati video CinemaDNG e Apple ProRes ?

No. Lo Zenmuse X4S non supporta nessuno dei due formati.

Posso usare lo Zenmuse X4S separatamente come una fotocamera indipendente?

No. Lo Zenmuse X4S deve essere utilizzato con l’Inspire 2. Sarà supportato su ulteriori prodotti in futuro.

Quali tipi di modalità di esposizione supporta lo Zenmuse X4S?

Lo Zenmuse X4S è dotato di un’apertura di diaframma regolabile e supporta quattro modalità di esposizione: Programmata (P), Priorità di diaframma (A), Priorità di tempi (S) e Manuale (M).

Zenmuse X5s

Come è diverso il video Apple ProRes registrato dallo Zenmuse X5S diverso da ProRes registrato con lo Zenmuse X5R?

Lo Zenmuse X5R registra video CinemaDNG, che poi ha bisogno di elaborazione in DJI CINELIGHT per creare video Apple ProRes. Attraverso il nuovo CineCore 2.0 del sistema di elaborazione delle immagini sul Inspire 2, lo Zenmuse X5S può esportare direttamente il video Apple ProRes quando si utilizza un apposito codice di licenza DJI Inspire 2 e se equipaggiato con il DJI CINESSD.

Come lo Zenmuse X5S registra i video CinemaDNG e Apple ProRes?

I video CinemaDNG e Apple ProRes sono disponibili solo quando questi formati sono sbloccati utilizzando una chiave di licenza DJI Inspire e lo Zenmuse X5S viene utilizzato con un DJI CINESSD. La qualità video dipende dal fatto che venga utilizzato il 120G CINESSD o il 480G CINESSD. Lo Zenmuse X5S può anche generare video H.264 o H.265 durante la registrazione in CinemaDNG o Apple ProRes.

Come sono la fotocamera X5S, Inspire 2, la chiave di licenza DJI Inspire 2 e CINESSD correlati?

Lo Zenmuse X5S è una fotocamera professionale aerea che è compatibile con l’Inspire 2. I video registrati dallo Zenmuse X5S vengono elaborati dal CineCore 2.0 System Image Processing. Una chiave di licenza DJI Inspire 2 abilita le capacità di elaborazione CinemaDNG e/o Apple ProRes in CineCore 2.0. Questi file vengono poi salvati in CINESSD. La qualità video dipende dal fatto che venga utilizzato il 120G CINESSD o il 480G CINESSD.

Dove vengono memorizzate le immagini dallo Zenmuse X5S?

Le immagini JPEG e DNG (non incluse le immagini RAW scattate in Modalità Burst) e video registrati con codec H.264 e H.265, vengono salvati nella scheda Micro SD, mentre le immagini RAW scattate in Modalità Burst sono memorizzate in DJI CINESSD. Dopo aver sbloccato, utilizzando una chiave di licenza DJI Inspire 2, CinemaDNG e Apple ProRes i video saranno salvati in DJI CINESSD.

In cosa il codec H.265 codec è superiore al codec H.264?

H.265 è il nuovo standard di compressione video che segue H.264. H.265 ha il 50% in più di informazioni, migliori prestazioni di compressione e un rapporto di utilizzo della larghezza di banda inferiore. Si prega di essere consapevoli del fatto che sarà necessario un dispositivo aggiornato per la riproduzione o la decodifica dei video H.265.

In cosa si differenzia lo Zenmuse X5s dallo Zenmuse X4s?

Mentre entrambe le fotocamere catturano foto a 20 megapixel, lo zenmuse X4S è dotato di un sensore Exmor R CMOS da 1 pollice e un obiettivo fisso appositamente progettato per adattarsi al sensore e il processore di imaging. Inoltre, lo zenmuse X4S registra video a 4K nei formati H.264 e H.265.

Lo Zenmuse X5S è dotato di un sensore a M4/3 e ha un obiettivo intercambiabile per sensori M4/3. In combinazione con il sistema di elaborazione delle immagini del Inspire 2, il CineCore 2.0, lo Zenmuse X5S è grado di catturare video nei formati H.264 e H.265, così come CinemaDNG e Apple ProRes ed è adatto per una vasta gamma di applicazioni di cinematografia professionale e applicazioni di produzione televisiva.

In cosa si differenzia lo Zenmuse X5S dallo Zenmuse X5R?

Lo Zenmuse X5R è stata la prima fotocamera M4/3 di DJI dedicata alla fotografia aerea. Con un sensore da 16 megapixel è in grado di registrare video a 4K/30 fps in CinemaDNG RAW ad un bitrate medio di 1.7Gbps. Lo Zenmuse X5S è un importante aggiornamento di questa fotocamera. Le nuove caratteristiche includono:

Un nuovo connettore a sgancio rapido per collegare lo Zenmuse X5S all’Inspire 2. Poiché è stato separato dal sistema di elaborazione delle immagini, il sensore della fotocamera è protetto da interferenze magnetiche e rumore termico.

b. Un sensore potenziato da 20,8 megapixel migliore rapporto segnale/rumore e una migliore sensibilità al colore. Lavorare con la tecnologia avanzata di sovracampionamento crea immagini chiare a basso rumore.

c. Quando viene utilizzato con il sistema di elaborazione delle immagini CineCore 2.0 sul Inspire 2, lo Zenmuse X5S è in grado di registrare video a 4k/30 fps in sovracampionamento in entrambi i codec H.264 e H.265, con un bitrate massimo di 100 Mbps. Quando si utilizzano le chiavi di licenza del DJI Inspire 2 e il DJI CINESSD, lo Zenmuse X5S può registrare video a 5.2k/30 fps o a 4K/60 fps in CinemaDNG, video a 5.2k/30 fps in Apple ProRes 422 HQ, e 4K/30 fps in Apple ProRes 4444 XQ (senza alpha). Quando si registra a 5.2k, lo Zenmuse X5S ha un bitrate massimo di 4.2Gbps.

Posso usare lo Zenmuse X5S separatamente come una fotocamera autonoma?

No. Lo Zenmuse X5S deve essere utilizzato con l’Inspire 2. Sarà supportato da altri prodotti addizionali nel futuro.

Quale sarà la lunghezza focale degli obiettivi quando utilizzati con lo Zenmuse X5S?

La lunghezza focale equivalente sarà circa il doppio della lunghezza focale effettiva dell’obiettivo.

Quali dispositivi di memorizzazione lo Zenmuse X5S supporta?

Micro SD card e DJI CINESSD. E’ necessaria una scheda Micro SD per la cattura delle immagini, mentre il CINESSD è necessario solo per le produzioni di fascia alta che richiedono formati video specifici.

Zenmuse X7

01. Posso utilizzare lo Zenmuse X7 su piattaforme diverse dall’Inspire 2 o da solo?

Il gimbal Zenmuse X7 e la fotocamera possono essere utilizzati solo con Inspire 2 in questo momento. Tuttavia, l’X7 sarà compatibile con altri prodotti DJI in futuro.

02. Lo Zenmuse X7 è compatibile con l’Inspire 1?

No.

03. Quali sono le principali differenze tra il nuovo Zenmuse X7 e Zenmuse X5S?

Lo Zenmuse X7 è dotato di un sensore di immagine Super 35 mm e di un supporto DL progettato per la fotografia aerea con quattro obiettivi compatibili (16mm, 24mm, 35mm e 50mm). Al contrario, lo Zenmuse X5S utilizza un sensore da 4/3 di pollice, sostenendo otto obiettivi professionali con un supporto standard M4/3. È necessario un anello di bilanciamento per alcune lenti compatibili con X5S.

04. Qual’è il miglioramento dello Zenmuse X7 rispetto alle precedenti fotocamere Zenmuse? Come sta cambiando la qualità dell’immagine?

Lo Zenmuse X7 utilizza un sensore da 23,5 × 15,7 mm, con dimensioni di un singolo pixel aumentato a 3,91 μm. Cattura video RAW fino a 6K/30 fps o a 3.9K/59.94 fps e foto con risoluzione fino a 24 MP. Il sensore più grande dell’X7 offre un’eccellente qualità di foto e video con fino a 14 stop di gamma dinamica.

05. Quali sono i vantaggi del DL-Mount?

Il DL-Mount riduce in modo significativo la dimensione e il peso di una fotocamera, contemporaneamente mantenendo la qualità dell’immagine cinematografica. Il supporto DL accorcia la distanza focale dello X7 a 16,84 mm, rendendo la fotocamera più compatta e stabile per le riprese aeree.

06. Quali obiettivi sono compatibili con lo Zenmuse X7?

Attualmente lo Zenmuse X7 è compatibile con quattro obiettivi primari DL-Mount con apertura massima di F2.8. L’obiettivo da 16 mm è dotato di un filtro ND integrato. Gli obiettivi da 24 mm, 35 mm e 50 mm sono dotati di otturatori a foglia che supportano una velocità di otturatore massima di 1/1000.

07. Tra i quattro obiettivi compatibili, qual è la differenza tra DL-S e DL?

La dimensione massima del sensore supportata dall’obiettivo DL-S è Super 35 mm, mentre gli altri tre obiettivi DL supportano sensori full-frame. Tutti possono raggiungere risoluzioni fino a 8K.

08. Come funziona l’otturatore a foglia? Quali sono i suoi vantaggi?

Quando la velocità dell’otturatore è più lenta di 1/1000s, l’otturatore a foglia sarà abilitato automaticamente, ma può essere disattivato manualmente. L’otturatore a foglia impedisce la distorsione dell’immagine causata dall’otturatore, strisce derivanti dall’illuminazione artificiale e sfocatura di movimento durante la ripresa di oggetti ad alta velocità. Attualmente, l’otturatore a foglia è attivo solo in modalità Single Shot.

09. Gli obiettivi compatibili con l’X7 supportano i filtri di terze parti?

Sì. È possibile utilizzare qualsiasi filtro con un diametro di 46 mm che pesa 10-12 g e non sia più spesso di 4,4 mm (filetti esclusi) con gli obiettivi dello Zenmuse X7.

10. Qual è il dispositivo di memorizzazione di cui ho bisogno se utilizzo l’Inspire 2 con Zenmuse X7?

Una scheda Micro SD e un DJI CINESSD. È necessaria una scheda Micro SD per la cattura di immagini di base, mentre il CINESSD è necessario solo per produzioni di fascia alta che richiedono formati video specifici. CINESSD non può essere utilizzato da solo senza una scheda Micro SD.

11. Dove sono memorizzati foto e video quando l’unità Zenmuse X7 è connessa ad un Inspire 2?

Le immagini JPEG e DNG (non incluse le immagini RAW acquisite in modalità Burst) e i video registrati nei codec H.264 e H.265 vengono salvati sulla scheda Micro SD, mentre le immagini RAW acquisite in modalità Burst vengono memorizzate nel DJI CINESSD. Con le relative chiavi di licenza, i filmati CinemaDNG e Apple ProRes possono essere registrati e salvati nel DJI CINESSD.

12. Come sono correlati i prodotti Zenmuse X7, Inspire 2, le chiavi di licenza DJI Inspire 2 e CINESSD?

Zenmuse X7 è una fotocamera digitale professionale compatibile con l’Inspire 2. I video registrati dallo Zenmuse X7 vengono elaborati dal sistema di elaborazione immagini CineCore 2.1. Una chiave di licenza DJI Inspire 2 sblocca le funzionalità di elaborazione CinemaDNG e/o Apple ProRes per CineCore 2.1. Questi file vengono quindi salvati nel CINESSD quando vengono registrati. Le capacità di registrazione video variano a seconda della capacità del CINESSD utilizzato.